China Justice Observer China

?

IngleseAraboCinese (semplificato)OlandeseFranceseTedescoHindiItalianoGiapponeseCoreanoPortogheseRussoSpagnolosvedeseebraicoIndonesianovietnamitatailandeseTurcoMalay

Cosa c'è di nuovo per le norme cinesi sul riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze straniere? - Guida tascabile al diritto di procedura civile cinese del 2023 (1)

Domenica, 05 novembre 2023
Categorie: Approfondimenti
Collaboratori: Meng Yu 余 萌
Editor: Shuai Huang

Avatar

 

 

Le prelibatezze chiave:

  • Nel quinto emendamento (2023) della legge sulla procedura civile della RPC, un totale di quattro nuovi articoli (articoli 300-303) forniscono la parte mancante del quadro normativo per il riconoscimento e l’esecuzione delle sentenze straniere in Cina.
  • L'emendamento ha introdotto la norma tanto attesa (art. 300) sui motivi di rifiuto del riconoscimento e dell'esecuzione.
  • Arte. 301 segna la prima volta che la Cina stabilisce norme sulla giurisdizione indiretta nel proprio diritto interno.
  • Arte. 302 si applica nei casi in cui sono ancora pendenti procedimenti paralleli davanti a un tribunale cinese quando si chiede il riconoscimento e/o l'esecuzione di una sentenza straniera in Cina.
  • Arte. 303 affronta il rimedio legale dopo che un tribunale cinese ha emesso una sentenza a favore o contro il riconoscimento e l'esecuzione di una sentenza straniera.

Il 1° settembre 2023, il quinto emendamento alla legge sulla procedura civile della RPC (la "CPL 2023") è stato adottato dalla massima legislatura cinese, il Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo. La CPL del 2023 ha apportato modifiche significative alle procedure civili internazionali. Tra gli altri, importanti cambiamenti si riscontrano nelle norme sulla giurisdizione civile internazionale, sul riconoscimento e l’esecuzione delle sentenze straniere e sulla notificazione transfrontaliera dei processi.

Lo scopo di questa Guida tascabile è quello di far conoscere ai lettori CJO questi sviluppi salienti nella CPL del 2023. Come primo articolo della Guida tascabile, questo post si concentra sulle norme di riconoscimento ed esecuzione delle sentenze straniere in Cina.

Per molto tempo in Cina è esistito solo un quadro ampio per il riconoscimento e l’esecuzione delle sentenze straniere, con pochissime norme sparse nel diritto di procedura civile cinese, nelle interpretazioni giudiziarie e oltre trenta trattati bilaterali sino-stranieri.

Questa volta l'art. 300 della CPL 2023, unitamente ad altri tre articoli -Artt. 301-303, forniscono l’elemento mancante del quadro normativo per il riconoscimento e l’esecuzione delle sentenze straniere in Cina.

 

Articoli correlati:

I. Diniego del riconoscimento e dell'esecuzione (art. 300)

La CPL del 2023 ha introdotto la tanto attesa norma sui motivi di rifiuto del riconoscimento e dell’esecuzione. Questa è forse la notizia più importante e più felice di quest’anno per i professionisti legali cinesi e gli studiosi di diritto internazionale privato.

È stato solo nel dicembre 2021 che i motivi di rifiuto del riconoscimento e dell’esecuzione hanno preso forma nelle leggi nazionali cinesi, sotto forma di una sintesi della conferenza giudiziaria. Questo storico documento giudiziario è stato emesso dalla Corte Suprema del Popolo cinese (SPC), nota come "Sintesi della conferenza del simposio sui processi commerciali e marittimi di tribunali a livello nazionale relativi all'estero” (di seguito “Sintesi della conferenza 2021”, 全国法院涉外商事海事审判工作座谈会会议纪要). 

Questa volta, la CPL del 2023 la incorpora quasi alla lettera Arte. 46 della Sintesi del Convegno. Arte. 300 del CPL 2023 recita quanto segue:

"Per una sentenza o un'ordinanza giuridicamente efficace emessa da un tribunale straniero e di cui si richiede il riconoscimento e l'esecuzione, un tribunale popolare deciderà di rifiutare il riconoscimento e l'esecuzione se, dopo l'esame, constata che esiste una delle seguenti circostanze:

(1) Ai sensi dell'art. 301 di questa legge, il tribunale straniero non ha giurisdizione sulla causa;

(2) il convenuto non è stato legittimamente citato, o non gli è stata data una ragionevole opportunità di essere ascoltato e di difendersi nonostante sia stato legittimamente citato, oppure la parte priva di capacità giuridica non è stata adeguatamente rappresentata;

(3) La sentenza è stata ottenuta con la frode; 

(4) Il tribunale popolare ha emesso una sentenza sulla stessa controversia o ha riconosciuto ed eseguito una sentenza o un'ordinanza emessa da un Paese terzo sulla stessa controversia; O

(5) Quando una sentenza o una decisione giuridicamente efficace emessa da un tribunale straniero viola i principi fondamentali della legge cinese o è dannosa per la sovranità dello Stato, la sicurezza e l’interesse pubblico”.

Questa è una lista esclusiva. In breve, solo quando si verifica una delle cinque circostanze sopra elencate – giurisdizione indiretta, giusto processo, sentenza ottenuta con frode, sentenze contrastanti e ordine pubblico – i tribunali cinesi negheranno il riconoscimento e l’esecuzione.

Per ulteriori analisi sui cinque motivi di rifiuto, leggere "Condizioni per l'esecuzione delle sentenze straniere in Cina - Svolta per la raccolta delle sentenze in Cina Serie (VII)'.

È interessante notare due modifiche in questo articolo rispetto a quello del Riassunto del Convegno. Uno risiede nell’art. 300, comma 1, che non specifica quale legge (quella dello Stato richiesto o quella dello Stato di origine) determini la giurisdizione diretta, ma rinvia invece ulteriormente all'art. 301-la norma stessa sulla giurisdizione indiretta. L'altro è l'art. 300, comma 4, che consente il rifiuto quando sulla stessa controversia vi è un giudizio contrastante dello Stato richiesto o di uno Stato terzo, senza menzionare i lodi contrastanti di uno Stato terzo (un tempo inclusi nel Riepilogo della Conferenza). 

II. Competenza indiretta (art. 301)

Un tribunale popolare stabilisce che un tribunale straniero non ha giurisdizione su un caso in una delle seguenti circostanze:

(1) Il tribunale straniero non ha giurisdizione sul caso secondo la sua legge, oppure ha giurisdizione sul caso secondo la sua legge ma non ha alcun collegamento adeguato con la controversia coinvolta nel caso;

(2) Le disposizioni della presente legge sulla giurisdizione esclusiva sono violate; O

(3) È violato l'accordo secondo il quale le parti scelgono esclusivamente il foro competente.

Questo articolo segna la prima volta che la Cina stabilisce norme sulla giurisdizione indiretta nel proprio diritto interno. Prima di ciò, né il diritto di procedura civile né le relative interpretazioni giudiziarie avevano chiarito come determinare se un tribunale straniero ha giurisdizione. Sebbene esistano disposizioni sulla giurisdizione indiretta in 35 trattati bilaterali sino-stranieri contenenti clausole di esecuzione delle sentenze straniere, il loro contenuto variava ampiamente e non esisteva uno standard uniforme.

Questo articolo stabilisce le norme sulla competenza indiretta, che si applicano a tutte le sentenze provenienti da una giurisdizione non trattata. Per le sentenze derivanti dalla giurisdizione convenzionale continuano ad applicarsi le corrispondenti norme sulla competenza indiretta previste dai trattati pertinenti.

Secondo questo articolo, un tribunale straniero deve innanzitutto avere giurisdizione sul caso in conformità con le proprie leggi. In caso contrario, il tribunale cinese si riterrà incompetente sul caso.

Inoltre, come condizione aggiuntiva sulla base del Progetto del Quinto Emendamento, anche se un tribunale straniero ha giurisdizione su un caso in conformità con le proprie leggi nazionali, deve avere un collegamento adeguato con la controversia coinvolta nel caso. Se non esiste un collegamento adeguato, anche il tribunale cinese lo riterrà un tribunale incompetente.

Infine, se la giurisdizione di un tribunale straniero sul caso a) viola le disposizioni di giurisdizione esclusiva di questa legge (ad esempio, articolo 279 della CPL 2023), - ad esempio, il caso deriva da controversie sulla costituzione, scioglimento o liquidazione di persone giuridiche con sede in Cina, oppure b) contraddice gli accordi tra le parti di scegliere esclusivamente un foro competente - ad esempio, se le parti avessero concordato di sottoporre un reclamo alla giurisdizione esclusiva dei tribunali cinesi o dei tribunali di uno Stato terzo , saranno considerati incompetenti anche i tribunali stranieri dello Stato d'origine.

III. Procedimenti paralleli (art. 302)

Arte. 302 della CPL 2023, che affronta la questione dei procedimenti paralleli quando si chiede il riconoscimento e l'esecuzione in Cina di una sentenza straniera, recita quanto segue:

Arte. 302 Quando una parte si rivolge a un tribunale popolare per il riconoscimento e l'esecuzione di una sentenza o di una sentenza effettiva emessa da un tribunale straniero, e la controversia coinvolta nella sentenza o nella sentenza è la stessa di quella sottoposta al processo di un tribunale popolare, il tribunale popolare può pronunciare la sospensione del procedimento. 

Se una sentenza o una decisione efficace emessa da un tribunale straniero non soddisfa le condizioni per il riconoscimento specificate nella presente legge, il tribunale popolare emetterà una decisione contro il riconoscimento e l'esecuzione della sentenza o della decisione e riprenderà il procedimento sospeso. Se le condizioni per il riconoscimento specificate nella presente Legge sono soddisfatte, il tribunale popolare emetterà una sentenza per il riconoscimento della sentenza o della sentenza ed emetterà un ordine di esecuzione secondo quanto necessario per eseguire la sentenza o la sentenza secondo le disposizioni pertinenti di questa Legge; ed emette una decisione di rigetto del ricorso per il quale il procedimento è stato sospeso.

Questo articolo affronta la situazione stessa del mercato internazionale resta in sospeso. Analogo riscontro è rinvenibile nell’art. 7, par. 2 della Convenzione dell'Aja sulle sentenze. 

Prima di ciò, l'art. 535 dell'Interpretazione del 2015 della CPS al diritto di procedura civile della RPC ("Interpretazione CPL del 2015") affronta solo la situazione in cui procedimenti paralleli tra le stesse parti sulla stessa materia si svolgono in Cina e in un altro Stato, e i procedimenti paralleli in Cina hanno concluso. Ma se tali procedimenti in Cina sono ancora pendenti, non esistevano norme applicabili, e questa era esattamente la situazione Americhip, Inc. contro Dean et al. (2018) Yue 03 Min Chu N. 420. In questo caso, a causa di un procedimento parallelo, la Corte Intermedia del Popolo Cinese di Shenzhen ha deciso di respingere la richiesta di esecuzione di una sentenza neozelandese.

Grazie all'art. 302 della CPL del 2023, il risultato sarebbe stato diverso nel caso Americhip, Inc. contro Dean et al.

Arte. 302 si applica nei casi in cui sono ancora pendenti procedimenti paralleli davanti a un tribunale cinese quando si chiede il riconoscimento e/o l'esecuzione di una sentenza straniera in Cina. In questa circostanza, il tribunale cinese “può” decidere di sospendere il procedimento in corso, in attesa che il risultato dell'esame delle sentenze straniere chieste siano riconosciute o eseguite in Cina. Se tutti i requisiti per il riconoscimento/l’esecuzione fossero soddisfatti, i tribunali cinesi deciderebbero di riconoscere/applicare la sentenza straniera e di respingere la sentenza cinese sospesa. In caso contrario, i tribunali cinesi deciderebbero di rifiutare il riconoscimento/l’esecuzione di tale sentenza straniera e di riprendere il procedimento cinese sospeso.

IV. Rimedio giudiziario (art. 303)

Arte. 303 della CPL 2023, che affronta il rimedio giuridico dopo che è stata emessa una decisione del tribunale cinese a favore o contro il riconoscimento e l'esecuzione di una sentenza straniera, recita quanto segue:

Arte. 303 Una parte può chiedere un riesame contro una decisione di riconoscimento ed esecuzione o di non riconoscimento e di non esecuzione al tribunale popolare di grado immediatamente superiore entro dieci giorni dalla notifica della decisione.

Questo articolo chiarisce per la prima volta che la decisione di un tribunale cinese a favore o contro il riconoscimento e l'esecuzione di una sentenza straniera è soggetta a riconsiderazione. Il tribunale che accetta la richiesta di riconsiderazione è il tribunale di livello superiore superiore a quello che accetta il caso. Tieni presente che non è soggetto a ricorso, ma soggetto a riconsiderazione, e le procedure di revisione per i due sono leggermente diverse.

In questo contesto, esiste un punto di riferimento rilevante: il riconoscimento e l’esecuzione dei lodi arbitrali esteri. Le decisioni prese dai tribunali cinesi sul riconoscimento e sull'esecuzione o sul non riconoscimento e sulla non esecuzione dei lodi arbitrali stranieri non sono soggette a ricorso o riconsiderazione, se non diversamente specificato dalla legge (vedi Art. 110 della Sintesi della Conferenza).

Inoltre, va notato che il Conference Summary prevede un meccanismo di reporting e notifica per il riconoscimento e l’esecuzione delle sentenze straniere (l'approvazione interna ex ante e l'archiviazione ex post) - un meccanismo ideato dalla Corte Suprema cinese per garantire l'imparzialità nell'esecuzione delle sentenze straniere. La procedura di approvazione ex ante si applicherebbe alle sentenze straniere provenienti da giurisdizioni non aderenti al trattato. Secondo questa procedura, il tribunale locale, prima di prendere una decisione, riferirà i suoi pareri di trattamento livello per livello per l'approvazione, e il SPC avrà l'ultima parola sui pareri di gestione.

Presumibilmente, può essere quindi molto difficile, se non impossibile, per il prossimo tribunale di livello superiore modificare la sentenza.

 

Post correlati:

 

 

 

Foto di squalo ovski on Unsplash

 

Collaboratori: Meng Yu 余 萌

Salva come PDF

Ti potrebbe piacere anche

Decodificare il punto di svolta: uno sguardo più attento al riconoscimento della bancarotta giapponese da parte della Cina

Questo articolo di follow-up si concentra sull'esame dettagliato del caso Shanghai International Corporation da parte della Corte cinese nel 2023, evidenziando l'importanza della reciprocità nelle procedure fallimentari transfrontaliere e sottolineando l'approccio in evoluzione della Cina al riconoscimento delle sentenze straniere (vedi In re Shanghai International Corporation (2021 ) Hu 03 Xie Wai Ren No.1).

SPC interpreta trattati e pratiche internazionali nei tribunali cinesi

Nel dicembre 2023, la Corte Suprema del Popolo cinese (SPC) ha riaffermato la supremazia dei trattati internazionali sulle leggi nazionali nelle cause civili e commerciali legate all'estero con la sua "Interpretazione su diverse questioni riguardanti l'applicazione dei trattati internazionali e delle pratiche internazionali" (关于审理涉外民商事案件适用国际条约和国际惯例若干问题的解释).

Così hanno parlato i giudici cinesi sul riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze straniere: approfondimenti dei giudici della Corte suprema cinese sull'emendamento del 2023 alla legge sulla procedura civile (4)

La legge sulla procedura civile del 2023 introduce norme sistematiche per migliorare il riconoscimento e l’esecuzione delle sentenze straniere, promuovendo la trasparenza, la standardizzazione e la giustizia procedurale, adottando al contempo un approccio ibrido per determinare la giurisdizione indiretta e introducendo una procedura di riesame come rimedio legale.

Così hanno parlato i giudici cinesi sull'assunzione di prove all'estero: approfondimenti dei giudici della Corte suprema cinese sull'emendamento del 2023 alla legge sulla procedura civile (3)

La legge sulla procedura civile del 2023 introduce un quadro sistematico per l'assunzione delle prove all'estero, affrontando le sfide di lunga data nei contenziosi civili e commerciali, abbracciando al tempo stesso metodi innovativi come l'utilizzo di dispositivi di messaggistica istantanea, migliorando così l'efficienza e l'adattabilità delle procedure legali.

Così hanno parlato i giudici cinesi sulla notifica transfrontaliera dei processi: approfondimenti dei giudici della Corte suprema cinese sull'emendamento del 2023 alla legge sulla procedura civile (2)

La legge sulla procedura civile del 2023 adotta un approccio orientato ai problemi, affrontando le difficoltà nella notifica dei processi per le cause relative all'estero espandendo i canali e riducendo il servizio per periodo di pubblicazione a 60 giorni per le parti non domiciliate, riflettendo un'iniziativa più ampia per migliorare l'efficienza e adattare le procedure legali alle complessità del contenzioso internazionale.