China Justice Observer China

?

IngleseAraboCinese (semplificato)OlandeseFranceseTedescoHindiItalianoGiapponeseCoreanoPortogheseRussoSpagnolosvedeseebraicoIndonesianovietnamitatailandeseTurcoMalay

Punto di svolta: la Cina riconosce per prima la decisione giapponese di fallimento

Mercoledì, 06 marzo 2024
Categorie: Approfondimenti
Editor: Shuai Huang

Le prelibatezze chiave:

  • Nel settembre 2023, la Terza Corte Intermedia del Popolo di Shanghai ha deciso di riconoscere la decisione della Corte distrettuale di Tokyo di avviare un procedimento di riabilitazione civile e l'ordinanza di nomina del supervisore ((2021) Hu 03 Xie Wai Ren No.1).
  • Ciò segna non solo la prima volta che la Cina riconosce la decisione di un tribunale giapponese in una procedura fallimentare, ma anche la prima volta che la Cina riconosce una sentenza giapponese.
  • Il caso costituisce un precedente legale per le decisioni di fallimento transfrontaliero, dimostrando che i precedenti modelli di non riconoscimento tra Cina e Giappone nelle sentenze civili e commerciali potrebbero non essere applicabili in tali scenari transfrontalieri.
  • Pur non risolvendo le più ampie sfide legate al riconoscimento tra le due nazioni, questo riconoscimento invia un segnale positivo da parte della corte cinese, suggerendo potenziali scoperte future e favorendo la speranza di una migliore cooperazione legale.

Ciò segna non solo la prima volta che la Cina riconosce la decisione di un tribunale giapponese in una procedura fallimentare, ma anche la prima volta che la Cina riconosce una sentenza giapponese (vedi la sentenza della corte cinese (2021) Hu 03 Xie Wai Ren No.1 ( (2021)沪03协外认1)).

Articoli correlati:

Lo studio legale giapponese Nagashima Ohno & Tsunematsu, in rappresentanza di una società giapponese, ha chiesto al tribunale distrettuale di Tokyo di avviare una procedura di riabilitazione civile (una sorta di procedura fallimentare di tipo ristrutturante ai sensi della legge fallimentare giapponese). Secondo la richiesta, il tribunale distrettuale di Tokyo ha deciso di avviare un procedimento di riabilitazione civile e ha nominato un supervisore per monitorare le attività del debitore.

Poiché la società giapponese possedeva alcuni beni a Shanghai, per agevolare il regolare svolgimento del procedimento di riabilitazione civile in Giappone, la società ha presentato ricorso alla Terza Corte Intermedia del Popolo di Shanghai (la “Tribunale di Shanghai”), chiedendo il riconoscimento delle competenze della Corte Distrettuale di Tokyo l'avvio del procedimento di riabilitazione civile e l'ordinanza di nomina del tutore. Nagashima Ohno e Tsunematsu hanno fornito pareri legali sulle leggi giapponesi rilevanti durante il processo di riconoscimento.

Il 6 settembre 2023, la Corte di Shanghai ha emesso una sentenza che riconosce il procedimento di riabilitazione civile della società giapponese e l'identità del supervisore e consente a quest'ultimo di monitorare l'autogestione della proprietà e degli affari commerciali della società in Cina a determinate condizioni.

Nel verificare se esistesse un rapporto di reciprocità tra Cina e Giappone nel riconoscimento delle decisioni di fallimento, la Corte di Shanghai ha ritenuto che:

(1) Entrambe le parti hanno precedenti di rifiuto di riconoscere le reciproche sentenze civili e commerciali, ma questi precedenti non si applicano necessariamente ai casi di fallimento transfrontaliero;

(2) Secondo le leggi giapponesi, non esistono ostacoli giuridici al riconoscimento delle decisioni di fallimento cinesi da parte dei tribunali giapponesi, il che conferma l'esistenza di un rapporto di reciprocità tra Cina e Giappone nel riconoscimento dei casi di fallimento transfrontalieri.

Questa è la prima volta che la Cina riconosce una decisione presa da un tribunale giapponese in una procedura fallimentare.

Cina e Giappone si trovano in una situazione di stallo per quanto riguarda il riconoscimento reciproco e l’esecuzione delle sentenze. Per maggiori dettagli, leggi il nostro post precedente Come avviare il riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze dei tribunali tra Cina e Giappone?.

Articoli correlati:

Secondo la dichiarazione della Corte di Shanghai, questo caso non significa che l'impasse tra Cina e Giappone sia stata superata, ma invia un segnale positivo da parte della Corte cinese riguardo alle sentenze giapponesi. Attendiamo con ansia ulteriori scoperte tra le due parti.

Non abbiamo ancora ottenuto il testo originale della sentenza emessa dalla Corte di Shanghai in questo caso. Le informazioni sul caso di cui sopra provengono dal sito web di Partner Fangda, lo studio legale cinese che in questo caso rappresenta la società giapponese.

È possibile trovare un altro commento al caso qui sul sito web dell'Asian Business Law Institute (ABLI).

 

Foto di Risa Fukunaga on Unsplash

Collaboratori: Guodong Du , Meng Yu 余 萌

Salva come PDF

Ti potrebbe piacere anche

Decodificare il punto di svolta: uno sguardo più attento al riconoscimento della bancarotta giapponese da parte della Cina

Questo articolo di follow-up si concentra sull'esame dettagliato del caso Shanghai International Corporation da parte della Corte cinese nel 2023, evidenziando l'importanza della reciprocità nelle procedure fallimentari transfrontaliere e sottolineando l'approccio in evoluzione della Cina al riconoscimento delle sentenze straniere (vedi In re Shanghai International Corporation (2021 ) Hu 03 Xie Wai Ren No.1).

SPC interpreta trattati e pratiche internazionali nei tribunali cinesi

Nel dicembre 2023, la Corte Suprema del Popolo cinese (SPC) ha riaffermato la supremazia dei trattati internazionali sulle leggi nazionali nelle cause civili e commerciali legate all'estero con la sua "Interpretazione su diverse questioni riguardanti l'applicazione dei trattati internazionali e delle pratiche internazionali" (关于审理涉外民商事案件适用国际条约和国际惯例若干问题的解释).

Così hanno parlato i giudici cinesi sul riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze straniere: approfondimenti dei giudici della Corte suprema cinese sull'emendamento del 2023 alla legge sulla procedura civile (4)

La legge sulla procedura civile del 2023 introduce norme sistematiche per migliorare il riconoscimento e l’esecuzione delle sentenze straniere, promuovendo la trasparenza, la standardizzazione e la giustizia procedurale, adottando al contempo un approccio ibrido per determinare la giurisdizione indiretta e introducendo una procedura di riesame come rimedio legale.