China Justice Observer China

?

IngleseAraboCinese (semplificato)OlandeseFranceseTedescoHindiItalianoGiapponeseCoreanoPortogheseRussoSpagnolosvedeseebraicoIndonesianovietnamitatailandeseTurcoMalay

Come avviare il riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze dei tribunali tra Cina e Giappone?

Mer, 17 Apr 2019
Categorie: Approfondimenti

 

Riteniamo che la Corte suprema del popolo cinese (SPC) abbia un forte desiderio di sbloccare la situazione di stallo tra Cina e Giappone derivante dal reciproco rifiuto di riconoscere e applicare le reciproche sentenze dei tribunali, come dimostra il fatto che i tribunali cinesi hanno riconosciuto le sentenze statunitensi e le sentenze coreane una dopo l'altra. Ma l'ulteriore domanda è: come superare questa situazione di stallo?

1. Deadlock tra Cina e Giappone

Nel 1995, Gomi Akira, un cittadino giapponese (giapponese: 五味 晃) ha presentato domanda alla Corte intermedia del popolo di Dalian ("Corte di Dalian") per il riconoscimento e l'esecuzione della sentenza monetaria emessa dalla sezione di Odawara del tribunale distrettuale di Yokohama in Giappone (giapponese : 横 浜 地方 裁判 所 小田原 支部) (di seguito denominato "caso Gomi Akira"). La corte superiore del tribunale di Dalian, la Corte dell'Alto Popolo della provincia di Liaoning, ha deferito questo caso all'SPC per ulteriori indicazioni. L'SPC ha risposto che Cina e Giappone non hanno ancora concluso o aderito a nessun trattato pertinente e non hanno stabilito la reciprocità, e la richiesta di riconoscimento ed esecuzione della sentenza del tribunale giapponese dovrebbe, pertanto, essere respinta. Di conseguenza, in conformità con la risposta dell'SPC, il tribunale di Dalian ha reso una sentenza respingere la domanda di riconoscimento ed esecuzione della sentenza giapponese.

Come indicato nel ns post precedente, sebbene la risposta dell'SPC non sia giuridicamente vincolante, i tribunali locali cinesi terranno in seria considerazione il punto di vista di SPC. Nel caso Gomi Akira, l'SPC ha affermato che solo quando esistevano precedenti effettivi che dimostrano che il paese straniero ha precedentemente riconosciuto e applicato le sentenze cinesi si può ritenere che esista la reciprocità tra il suddetto paese e la Cina. Poiché il Giappone non ha precedenti del genere prima, così la reciprocità tra Cina e Giappone non è stata ancora stabilita. Sulla base di tale logica, alcuni tribunali locali cinesi si sono rifiutati di riconoscere e applicare una serie di sentenze straniere.

Inoltre, il caso Gomi Akira ha anche esercitato direttamente un impatto negativo sull'atteggiamento dei tribunali giapponesi nei confronti della domanda di riconoscimento e dell'esecuzione delle sentenze cinesi. Nel caso della domanda di riconoscimento ed esecuzione della sentenza emessa da parte della Corte Intermedia del Popolo di Qingdao da parte di cittadini cinesi, l'Alta Corte di Osaka (giapponese: 大阪 高等 裁判 ited) ha citato il caso Gomi Akira e ha ritenuto che non vi fosse garanzia reciproca (reciprocità) su riconoscimento ed esecuzione della sentenza tra Cina e Giappone, e quindi rifiutato di riconoscere la suddetta sentenza cinese. Nel 2015, nel caso della domanda di Xia Shuqin (夏淑琴) di riconoscere ed eseguire la sentenza emessa dal tribunale del popolo primario di Xuanwu della municipalità di Nanchino (denominato "caso Xia Shuqin"), l'Alta corte di Tokyo (giapponese : 東京 高等 裁判 所) ha anche citato il caso Gomi Akira e ha rifiutato di riconoscere ed eseguire la sentenza cinese.

I giudici cinesi hanno già prestato attenzione a queste due decisioni dei tribunali giapponesi, come Chen Liang (陈亮) e Jiang Xin (姜 欣), due giudici della Corte intermedia del popolo di Nanchino della provincia di Jiangsu [1]. Il giudice Jiang Xin è il giudice che sta esaminando il caso della domanda di Kolmar Group AG per il riconoscimento e l'esecuzione di una sentenza del tribunale di Singapore. In questo caso, è la prima volta che la Cina riconosce e impone una sentenza straniera sulla base della reciprocità. Shen Hongyu (沈 红雨), un giudice dell'SPC, ha anche menzionato tale caso nei suoi articoli [2] ed ha espresso il suo punto di vista esplicitamente che il caso Gomi Akira ha portato all'ulteriore rifiuto dei tribunali giapponesi di riconoscere le decisioni dei tribunali cinesi per motivi di reciprocità, come nel Caso Xia Shuqin. Di conseguenza, il giudice Shen ritiene che nel contesto più ampio della Belt and Road Initiative, sia necessario che i tribunali cinesi determinino ragionevolmente gli standard applicabili del principio di reciprocità, promuovendo così la cooperazione internazionale nel riconoscimento transfrontaliero e nell'esecuzione delle sentenze dei tribunali .

Si può vedere che, come implicitamente affermato da questi giudici cinesi, attualmente i tribunali cinesi si rammaricano per l'imprevisto fraintendimento dei tribunali stranieri causato da questo caso. Tuttavia, non hanno suggerito che l'SPC avrebbe rivisto meglio la sua risposta al caso Gomi Akira, che riteniamo comprensibile poiché l'opinione dell'SPC sul caso è solo sotto forma di una "risposta" (答复) piuttosto che di una "risposta "(批复). Il primo è teoricamente non vincolante per tutti i tribunali locali, mentre il secondo è un'interpretazione giudiziaria legalmente vincolante. Anche il professore giapponese, Yasuhiro Okuda lo ha notato e ha sottolineato che la risposta dell'SPC nel 1995 lo è 

"Obbligatorio per il caso pendente dinanzi all'Alta Corte popolare della provincia di Liaoning, ma in futuro l'SPC può giungere a una conclusione diversa per altri casi." [3]

Pertanto, riteniamo che l'SPC sia attualmente desideroso di adottare un certo modo per risolvere lo stallo tra Cina e Giappone causato dal caso Gomi Akira.

2. Come possono la Cina e il Giappone risolvere la situazione di stallo?

Possiamo dedurre possibili opzioni dall'interpretazione giudiziaria che sta redigendo l'SPC. 

L'SPC sta attualmente lavorando a un'interpretazione giudiziaria del riconoscimento e dell'esecuzione delle sentenze straniere, che sarà promulgata nel 2019 secondo il suo piano. Abbiamo già introdotto un articolo scritto da Song Jianli (宋建立), un giudice dell'SPC, in cui ha citato diverse importanti disposizioni del progetto di interpretazione giudiziaria.

Secondo il giudice Song, i tribunali cinesi adotteranno tre standard per determinare se è stabilita la reciprocità tra la Cina e il paese straniero:

  • Reciprocità di fatto: il tribunale straniero ha un precedente per il riconoscimento di una sentenza cinese;
  • Presunta reciprocità: il tribunale straniero non aveva rifiutato di riconoscere o eseguire sentenze cinesi per mancanza di reciprocità;
  • Reciprocità de jure: secondo le leggi dello Stato del foro, una sentenza cinese può, nelle stesse circostanze, essere riconosciuta ed eseguita dal tribunale straniero.

Poiché i tribunali giapponesi si sono rifiutati di riconoscere le sentenze dei tribunali cinesi, è difficile per i tribunali cinesi stabilire la reciprocità tra Cina e Giappone sulla base di una presunta reciprocità e riconoscere di conseguenza la sentenza giapponese. Pertanto, possiamo considerare di sollecitare i tribunali cinesi a riconoscere le sentenze giapponesi sulla base di de facto reciprocità o de jure reciprocità.

Opzione A: per risolvere lo stallo basato su reciprocità di fatto (Il Giappone in primo luogo per riconoscere e far rispettare il giudizio cinese)

Se desideriamo che i tribunali cinesi riconoscano una sentenza del tribunale giapponese sulla base della reciprocità de facto, la premessa necessaria è che il tribunale giapponese abbia già riconosciuto e applicato la sentenza del tribunale cinese. Di conseguenza, se il tribunale giapponese comprende gli sforzi dell'SPC nel riconoscere le sentenze straniere ei suoi cambiamenti attitudinali, e di conseguenza riconosce una sentenza del tribunale cinese, allora il tribunale cinese può concludere che esiste la reciprocità tra Cina e Giappone su questo terreno. Inoltre, se il tribunale cinese successivamente riconosce in pratica una decisione del tribunale giapponese, può produrre un segnale positivo al tribunale giapponese. A questo punto, la situazione di stallo tra Cina e Giappone sarà completamente superata.

Questo approccio richiede la fiducia dei tribunali giapponesi nei tribunali cinesi e anche un caso reale.

Opzione B: per risolvere lo stallo basato su reciprocità de jure (La Cina in primo luogo per riconoscere un giudizio giapponese)

Se il tribunale cinese ritiene che la sentenza cinese possa essere riconosciuta ed eseguita in Giappone secondo le leggi giapponesi (anche se è stato effettivamente rifiutato di essere riconosciuta ed eseguita prima), allora anche il tribunale cinese può riconoscere la sentenza giapponese. Per quanto ne sappiamo, il Giappone ha allentato i criteri per determinare la reciprocità. Fatta eccezione per il rifiuto di riconoscere le decisioni dei tribunali cinesi a causa del caso Gomi Akira, il Giappone ha appena rifiutato di riconoscere le sentenze di altri paesi per motivi di reciprocità. Pertanto, in teoria, i tribunali cinesi potrebbero fare il primo passo sulla base di reciprocità de jure e riconoscere unilateralmente prima le sentenze giapponesi.

Questo approccio richiede ai tribunali cinesi di "ignorare" i precedenti in cui il Giappone ha rifiutato di riconoscere le sentenze cinesi. Per il momento, l'atteggiamento dei tribunali cinesi al riguardo è molto pragmatico, quindi la possibilità esiste. Naturalmente, questo richiede anche un caso reale.

Opzione C: l'SPC e la Corte Suprema del Giappone firmano un memorandum

L'SPC e l'ASEAN hanno raggiunto un consenso sul riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze dei tribunali sotto forma di una dichiarazione del forum (la dichiarazione di Nanning). L'SPC e la Corte Suprema di Singapore hanno appena firmato un memorandum relativo al riconoscimento reciproco e all'esecuzione delle decisioni. Se anche l'SPC e la Corte Suprema del Giappone possono firmare un memorandum simile, sarà il modo più efficace per risolvere la situazione di stallo tra i due paesi.

Considerando che tale dichiarazione o memorandum non costituisce un trattato internazionale, l'SPC ha l'autorità sufficiente per firmare tale documento. In effetti, questo è uno dei motivi per cui recentemente l'SPC ha voluto firmare documenti simili.

3. CONCLUSIONE

Riteniamo che l'SPC sia abbastanza disponibile ed entusiasta da risolvere lo stallo tra Cina e Giappone nel riconoscimento reciproco e nell'esecuzione delle sentenze dei tribunali. Si ipotizza che i tribunali giapponesi possano avere desideri simili. Dopo tutto, Cina e Giappone sono uno dei partner commerciali più importanti l'uno dell'altro.

Il punto chiave ora è: c'è abbastanza fiducia reciproca tra i tribunali cinesi e quelli giapponesi e quale metodo è il più fattibile per sbloccare la situazione?

Forse possiamo provare a testare l'atteggiamento di un tribunale cinese o giapponese in un caso reale.

 

Note:

陈亮, 姜 欣. 承认 和 执行 外国 法院 判决 中 互惠 原则 的 现状 、 影响 与 改进 —— 从 以色列 承认 和 执行 南通 中 院 判决 案 出发 [J]. 法律 适用, 2018 (05): 16-23.

沈 红雨. 外国 民 商 事 判决 承认 和 执行 若干 疑难 问题 研究 [J]. 法律 适用, 2018 (05): 9-15.

[3] Okuda, Yasuhiro. "Requisito di incostituzionalità della reciprocità per il riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze straniere in Giappone". Frontiere del diritto in Cina 13.2 (2018): 159-170, p. 165.

 

 

Collaboratori: Guodong Du , Meng Yu 余 萌

Salva come PDF

Ti potrebbe piacere anche

Decodificare il punto di svolta: uno sguardo più attento al riconoscimento della bancarotta giapponese da parte della Cina

Questo articolo di follow-up si concentra sull'esame dettagliato del caso Shanghai International Corporation da parte della Corte cinese nel 2023, evidenziando l'importanza della reciprocità nelle procedure fallimentari transfrontaliere e sottolineando l'approccio in evoluzione della Cina al riconoscimento delle sentenze straniere (vedi In re Shanghai International Corporation (2021 ) Hu 03 Xie Wai Ren No.1).

Così hanno parlato i giudici cinesi sul riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze straniere: approfondimenti dei giudici della Corte suprema cinese sull'emendamento del 2023 alla legge sulla procedura civile (4)

La legge sulla procedura civile del 2023 introduce norme sistematiche per migliorare il riconoscimento e l’esecuzione delle sentenze straniere, promuovendo la trasparenza, la standardizzazione e la giustizia procedurale, adottando al contempo un approccio ibrido per determinare la giurisdizione indiretta e introducendo una procedura di riesame come rimedio legale.

La Corte cinese di Wenzhou riconosce la sentenza monetaria di Singapore

Nel 2022, un tribunale cinese locale a Wenzhou, nella provincia di Zhejiang, ha deciso di riconoscere e dare esecuzione a una sentenza pecuniaria emessa dai tribunali statali di Singapore, come evidenziato in uno dei casi tipici relativi alla Belt and Road Initiative (BRI) recentemente pubblicato dal governo cinese Corte Suprema del Popolo (Shuang Lin Construction Pte. Ltd. v. Pan (2022) Zhe 03 Xie Wai Ren No.4).

Hong Kong e la Cina continentale: nuovo capitolo per il riconoscimento e l’esecuzione reciproci delle sentenze civili

A seguito dell'attuazione dell'accordo sul riconoscimento reciproco e sull'esecuzione delle sentenze in materia civile e commerciale da parte dei tribunali della Cina continentale e della regione amministrativa speciale di Hong Kong, le sentenze emesse dai tribunali della Cina continentale possono essere eseguite a Hong Kong dopo essere state registrate da Tribunali di Hong Kong.

Crocevia legale: la Corte canadese nega la sentenza sommaria per il riconoscimento della sentenza cinese di fronte a procedimenti paralleli

Nel 2022, la Corte Superiore di Giustizia dell'Ontario del Canada ha rifiutato di emettere una sentenza sommaria per eseguire una sentenza pecuniaria cinese nel contesto di due procedimenti paralleli in Canada, indicando che i due procedimenti avrebbero dovuto procedere insieme in quanto vi era una sovrapposizione fattuale e giuridica, e giudicabili le questioni riguardavano la difesa della giustizia naturale e dell’ordine pubblico (Qingdao Top Steel Industrial Co. Ltd. v. Fasteners & Fittings Inc. 2022 ONSC 279).