China Justice Observer China

?

IngleseAraboCinese (semplificato)OlandeseFranceseTedescoHindiItalianoGiapponeseCoreanoPortogheseRussoSpagnolosvedeseebraicoIndonesianovietnamitatailandeseTurcoMalay

Così hanno parlato i giudici cinesi sulla giurisdizione civile internazionale: approfondimenti dei giudici della Corte suprema cinese sull'emendamento del 2023 al diritto di procedura civile (1)

Ven, 15 marzo 2024
Categorie: Approfondimenti
Collaboratori: Meng Yu 余 萌
Editor: Shuai Huang

Key Takeaways:

  • Gli approfondimenti dei giudici della Corte Suprema cinese sull’emendamento alla legge sulla procedura civile del 2023 evidenziano modifiche significative alle norme di procedura civile internazionale, tra cui l’estensione della giurisdizione dei tribunali cinesi, miglioramenti nella giurisdizione consensuale e il coordinamento dei conflitti giurisdizionali internazionali.
  • La CPL del 2023 espande la giurisdizione dei tribunali cinesi sulle cause civili e commerciali legate all’estero per salvaguardare meglio la sovranità, la sicurezza e gli interessi di sviluppo della Cina. Ciò include modifiche alle norme relative alla giurisdizione speciale, alla giurisdizione consensuale e alla giurisdizione esclusiva, nonché norme che affrontano la crescente complessità dei conflitti giurisdizionali internazionali.
  • L'eliminazione del requisito del “collegamento effettivo” nella giurisdizione consensuale riflette la tendenza al rispetto dell'autonomia delle parti nella scelta del foro.
  • Gli emendamenti forniscono chiarezza e prevedibilità nell’applicazione dei principi giuridici come il forum non conveniens, garantendo che gli interessi sia delle parti cinesi che di quelle straniere siano presi in considerazione e che non soffrano di mancanza di rimedi.

Il 1° settembre 2023, il quinto emendamento alla legge sulla procedura civile della RPC (la "CPL 2023") è stato adottato dalla massima legislatura cinese, il Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo. La CPL del 2023 ha apportato modifiche significative alle procedure civili internazionali. Tra gli altri, importanti cambiamenti si riscontrano nelle norme sulla giurisdizione civile internazionale, sul riconoscimento e l’esecuzione delle sentenze straniere e sulla notificazione transfrontaliera dei processi.

Abbiamo fornito una guida tascabile per far conoscere ai lettori CJO questi sviluppi salienti nella CPL del 2023.

Articoli correlati:

Nel dicembre 2023, il giudice Shen Hongyu e il giudice Guo Zaiyu della quarta divisione civile della Corte suprema del popolo cinese (SPC) hanno pubblicato un articolo "Commento e interpretazione delle disposizioni riviste della parte del diritto di procedura civile relativa agli stranieri" (《民事诉讼法》涉外编修改条款之述评与解读) in “China Law Review”(中国法律评论)(N. 6, 2023), condividendo le loro opinioni sugli sviluppi della CPL del 2023.

Lo scopo di questa serie è presentare il punto di vista dei giudici della CPS, del giudice Shen e del giudice Guo, su alcuni aspetti chiave, tra cui le norme sulla giurisdizione civile internazionale, le norme sulla notificazione transfrontaliera degli atti processuali e sull'assunzione delle prove, e le norme sul riconoscimento e esecuzione delle sentenze straniere.

Articoli correlati:

I. La Redazione del Quinto Emendamento CPL (2023)

Prima del quinto emendamento, la CPL, entrata in vigore nel 1991, è stata modificata quattro volte, nel 2007, 2012, 2017 e 2021. Tuttavia, ciascun emendamento non ha apportato modifiche sostanziali al contenuto rilevante delle controversie civili legate all'estero procedure.

Negli ultimi anni, con il continuo progresso dell’apertura ad alto livello, il numero di cause civili e commerciali relative all’estero esaminate dai tribunali popolari è rapidamente aumentato, coprendo più di cento paesi e regioni. È cresciuto anche il numero di casi in cui soggetti stranieri scelgono attivamente i tribunali cinesi per la giurisdizione. Anche le sentenze civili e commerciali cinesi sono sempre più riconosciute e applicate da un numero maggiore di paesi. Ciò ha rafforzato la credibilità internazionale e l’influenza del sistema giudiziario cinese. Allo stesso tempo, i problemi dei conflitti di giurisdizione internazionale nella pratica giudiziaria stanno diventando più complessi. L’attuale posizionamento funzionale e la progettazione del sistema delle procedure di contenzioso civile legate all’estero non sono più in grado di soddisfare le esigenze di una risoluzione giusta, efficiente e conveniente delle controversie civili e commerciali legate all’estero e di tutela della sovranità nazionale, della sicurezza e degli interessi di sviluppo . Pertanto, è necessario apportare miglioramenti corrispondenti.

In risposta, l’SPC ha collaborato con il legislatore per promuovere l’emendamento. Nell’aprile 2021, il CPS ha avviato la stesura del progetto di modifica della CPL, che ha portato alla proposta di modifica della parte della CPL relativa al contenzioso civile relativo all’estero. Durante il processo di stesura, l'SPC ha sollecitato opinioni e suggerimenti da vari settori della società, tra cui organi statali, alte corti, associazioni accademiche e imprenditoriali, deputati dell'Assemblea nazionale del popolo (NPC), membri della Conferenza consultiva politica del popolo cinese, esperti, studiosi e rappresentanti delle imprese.

Nel dicembre 2022, il progetto di emendamento alla CPL è stato presentato dall'SPC per la revisione alla 38a sessione del 13° Comitato permanente dell'NPC. Nello stesso mese, il progetto di emendamento è stato pubblicato sul sito ufficiale dell'NPC per l'opinione pubblica.

Il 1° settembre 2023, la “Decisione sul quinto emendamento al diritto di procedura civile della Repubblica popolare cinese” è stata adottata dalla quinta sessione del 14° comitato permanente dell'NPC.

II. Norme in materia di giurisdizione

L’ulteriore espansione della giurisdizione dei tribunali cinesi sulle cause civili e commerciali legate all’estero è uno dei punti salienti della CPL del 2023.

I giudici della CPL hanno sottolineato che negli oltre trent’anni di attuazione della CPL, il commercio internazionale e gli investimenti delle imprese cinesi si sono sempre più globalizzati, le interazioni internazionali sono diventate più frequenti e gli interessi della Cina all’estero hanno continuato ad espandersi. Tuttavia, le attuali norme sulla giurisdizione per le cause civili e commerciali legate all’estero sono relativamente conservatrici. Ciò non contribuisce a salvaguardare la sovranità, la sicurezza e gli interessi di sviluppo della Cina, né sostiene la protezione degli interessi esteri delle imprese e dei cittadini cinesi. È necessario espandere adeguatamente la giurisdizione dei tribunali cinesi sulle cause civili e commerciali legate all’estero. Inoltre, negli ultimi anni, la Cina ha promulgato una serie di nuove importanti leggi e regolamenti legati all’estero, e anche la CPL deve disporre di norme giurisdizionali corrispondenti per garantire l’interfaccia tra queste norme legali.

In termini di norme sulla giurisdizione diretta, la CPL del 2023 ha apportato principalmente tre modifiche riguardanti la giurisdizione speciale, la giurisdizione consensuale e la giurisdizione esclusiva.

2.1 Competenza speciale (art. 276)

Modifiche 2.1.1

I punti salienti dell’art. 276 del CPL 2023 si collocano in due grandi novità.

Il primo è l’espansione delle tipologie di controversie soggette alla giurisdizione. Parà. 1 precisa che tale articolo si applica alle “controversie (civili in materia straniera) intentate contro un convenuto che non ha domicilio nel territorio della Repubblica popolare cinese, diverse da quelle relative a rapporti di identità”. Ciò significa che l'articolo si applica non solo alle “controversie contrattuali o altre controversie patrimoniali” ma anche ad altre controversie che esulano da queste due categorie. Poiché l'art. 23, par. 1 del Capo II La giurisdizione ha già stabilito le regole di competenza in base al domicilio dell'attore per “controversie relative a rapporti di identità promosse contro soggetti non residenti nel territorio della Repubblica popolare cinese”, è stata prevista una deroga per escludere le cause riguardanti l'identità rapporti giuridici per garantire la coerenza tra le disposizioni di legge.

L'altro è l'aggiunta del motivo giurisdizionale “altri collegamenti adeguati”. Il paragrafo 2 stabilisce che “salvo quanto previsto nel paragrafo precedente, le controversie civili relative all'estero che altrimenti hanno un collegamento adeguato con la Repubblica popolare cinese possono ricadere sotto la giurisdizione dei tribunali popolari”. Ciò conferisce ai tribunali popolari un certo grado di discrezionalità giudiziaria nel determinare la giurisdizione relativa all'estero. Adottando il modello dei “motivi specifici + clausola varia”, il principio della “corretta connessione” è una giurisdizione protettiva ristretta che sottolinea la necessità, la moderazione e la ragionevolezza dell’esercizio della giurisdizione.

2.1.2 Cos'è la "connessione corretta"?

Durante la discussione di questo paragrafo sono stati presi in considerazione termini alternativi quali “collegamento ragionevole” e “collegamento effettivo”. Alla fine si è concluso che il principio del “collegamento adeguato” non solo è fondamentalmente diverso dal principio della “giurisdizione a lungo termine” basato sul “collegamento minimo”, ma è anche più aperto ed espansivo rispetto a termini come “collegamento ragionevole” o “collegamento effettivo”. connessione". Può coprire molteplici elementi per valutazioni sia soggettive che oggettive di “corretto”. Parà. 2 stabilisce che “altri collegamenti adeguati” includono non solo i collegamenti della controversia con la Cina, ma anche la protezione della sovranità, della sicurezza e degli interessi di sviluppo della Cina. Inoltre, casi rilevanti nella pratica giudiziaria hanno già applicato questo concetto. Pertanto, è stato finalmente adottato il termine “connessione corretta”.

Ciò significa anche che, se i collegamenti tra un caso straniero e i tribunali cinesi sono troppo deboli per soddisfare lo standard di “collegamento adeguato”, i tribunali cinesi non dovrebbero esercitare la giurisdizione, in modo da evitare un’eccessiva giurisdizione espandendo la “giurisdizione adeguata”. connessione” in forma dissimulata in una “giurisdizione a braccio lungo” arbitraria.

2.2 Competenza consensuale (artt. 277-278)

Modifiche 2.2.1

La giurisdizione consensuale comprende la giurisdizione per convenzione (art. 277) e la giurisdizione per sottomissione (art. 288).

La novità più significativa di questa modifica è l'eliminazione del requisito della “connessione effettiva” in caso di giurisdizione convenzionale.

2.2.2 Perché la 'Connessione effettiva' non è più necessaria?

Secondo i giudici della SPC, con lo sviluppo delle pratiche di contenzioso civile e commerciale con sede all’estero, un numero crescente di soggetti stranieri sceglie di intentare causa davanti ai tribunali cinesi. Il requisito del “collegamento effettivo” nella giurisdizione mediante accordo non solo è in ritardo rispetto alle esigenze pratiche, ma contraddice anche la tendenza internazionale nello sviluppo del contenzioso civile, che sottolinea il rispetto dell’autonomia delle parti nella scelta del foro negli accordi.

Per brevità, il termine “tribunali del popolo” è usato direttamente per riferirsi ai “tribunali del popolo della Repubblica popolare cinese”.

2.3 Competenza esclusiva (art. 279)

La CPL del 2023 introduce due ulteriori motivi di giurisdizione esclusiva all'art. 279. Tra questi, il comma 2 aggiunge come materie di giurisdizione esclusiva “le azioni avviate a causa di controversie relative all'esame della validità dei diritti di proprietà intellettuale concessi nel territorio della Repubblica popolare cinese”. Considerata la natura territoriale della proprietà intellettuale, la previsione esplicita di una giurisdizione esclusiva su tali controversie si adatta meglio alle nuove circostanze nel campo della proprietà intellettuale.

Va notato che questo articolo non copre le decisioni amministrative prese dalle autorità amministrative cinesi competenti sulla validità dei “diritti di proprietà intellettuale concessi previo esame” in conformità con la legge. Inoltre, non copre i rimedi disponibili contro le decisioni amministrative pertinenti attraverso contenziosi amministrativi relativi alla proprietà intellettuale.

III. Norme sui conflitti di giurisdizione

La CPL del 2023 stabilisce norme generali per i conflitti giurisdizionali internazionali, con l’obiettivo di coordinare tali conflitti e ridurre i procedimenti paralleli.

Articoli correlati:

3.1 Procedimenti paralleli (art. 280)

Arte. 280 chiarisce la posizione di base della Cina sui procedimenti paralleli.

Per quanto riguarda la stessa controversia tra le parti interessate, indipendentemente da azioni ripetitive o contraddittorie, un tribunale popolare competente può accogliere il caso ai sensi della CPL e ciò non viene pregiudicato dal fatto che una parte interessata abbia intentato una causa davanti a un tribunale straniero.

Nel frattempo, la CPL del 2023 introduce condizioni restrittive per l'esercizio della giurisdizione dei tribunali popolari. Nello specifico, se le parti stipulano un accordo di giurisdizione esclusiva e tale accordo è valido senza violare le disposizioni sulla giurisdizione esclusiva dei tribunali cinesi o l’ordine pubblico cinese, i tribunali popolari dovrebbero rispettare l’accordo di giurisdizione esclusiva e astenersi dall’esercitare la giurisdizione. Ciò è in linea con l’approccio volto al rispetto del sistema di giurisdizione consensuale. Riconoscere la validità degli accordi di competenza esclusiva e di giurisdizione autolimitante può garantire la certezza e la prevedibilità della scelta del foro da parte delle parti.

3.2 Lis alibi pendens (art. 281)

Arte. 281 prevede per la prima volta la sospensione delle azioni nei procedimenti paralleli.

Da un lato, dopo che il tribunale popolare ha esercitato la giurisdizione, può prendere in considerazione fattori come

il tribunale straniero per primo adito e può decidere di sospendere il procedimento. Ciò rispecchia pienamente il principio della cortesia giudiziaria. D’altro canto, se le parti hanno concordato di risolvere le controversie dinanzi a un tribunale cinese, la controversia rientra nella giurisdizione esclusiva di un tribunale cinese, o la controversia è strettamente correlata alla Cina, rendendo più conveniente per un tribunale cinese ascoltare la controversia caso, il tribunale popolare non dovrebbe decidere di sospendere il procedimento.

3.3 Forum non conveniens (art. 282)

Arte. 282 eleva le disposizioni in materia forum non conveniente dall'art. 530 CPL Interpretazione Giudiziaria (di seguito “Interpretazione Giudiziaria”) al livello di legge, e ottimizza ulteriormente le condizioni per l'applicazione del principio nei seguenti aspetti.

In primo luogo, rimuove dall'Interpretazione Giudiziaria il requisito secondo cui "l'imputato solleva che sarebbe più conveniente adire un tribunale straniero". Prevede che l'applicazione dell'art forum non conveniente deve essere proposta dal convenuto sollevando eccezione di giurisdizione. Se il convenuto non solleva la domanda di forum non conveniente durante il periodo di eccezione di giurisdizione e la solleva successivamente nel corso del procedimento, il tribunale popolare non la accoglie. Inoltre, il tribunale popolare non può applicare attivamente questo principio per rifiutare di esercitare la giurisdizione.

In secondo luogo, elimina il requisito dell’interpretazione giudiziaria secondo cui “i casi non coinvolgono gli interessi dei cittadini cinesi, delle persone giuridiche o di altre organizzazioni”. Ora si specifica solo che il caso non dovrebbe coinvolgere gli interessi pubblici sociali della Repubblica popolare cinese. Questo perché nelle cause civili e commerciali relative all’estero gestite dai tribunali cinesi, una percentuale significativa dei casi coinvolge almeno una parte correlata a individui, persone giuridiche o altre organizzazioni cinesi. Mantenere la restrizione nell'interpretazione giudiziaria limiterebbe significativamente la funzione di forum non conveniente coordinare la concorrenza e i conflitti di procedimenti paralleli.

In terzo luogo, si rivede il requisito dell'interpretazione giudiziaria secondo cui "casi che non sono regolati dalla legge cinese o casi in cui il tribunale popolare incontra notevoli difficoltà nell'applicare la legge" a "i fatti fondamentali della controversia coinvolta nel caso non si sono verificati in della Repubblica popolare cinese, ed è evidentemente scomodo che il tribunale popolare esamini il caso e che le parti partecipino al processo”.

Quarto, par. 2 del presente articolo chiarisce ulteriormente la procedura di richiesta forum non conveniente principio. Dopo che il tribunale popolare decide di respingere l'azione, se il tribunale straniero rifiuta di esercitare la giurisdizione sulla controversia, non adotta le misure necessarie per esaminare il caso, o non riesce a concludere il caso entro un periodo di tempo ragionevole, e una parte presenta istanza una nuova causa presso il tribunale del popolo, il tribunale del popolo accetterà il caso. Ciò evita che i partiti cinesi e stranieri soffrano della mancanza di rimedi.

Articoli correlati:

 

 

Foto di Robynne Hu on Unsplash

Collaboratori: Meng Yu 余 萌

Salva come PDF

Ti potrebbe piacere anche

SPC interpreta trattati e pratiche internazionali nei tribunali cinesi

Nel dicembre 2023, la Corte Suprema del Popolo cinese (SPC) ha riaffermato la supremazia dei trattati internazionali sulle leggi nazionali nelle cause civili e commerciali legate all'estero con la sua "Interpretazione su diverse questioni riguardanti l'applicazione dei trattati internazionali e delle pratiche internazionali" (关于审理涉外民商事案件适用国际条约和国际惯例若干问题的解释).

Le norme riviste della SPC estendono la portata dei tribunali commerciali internazionali

Nel dicembre 2023, le disposizioni recentemente modificate della Corte Suprema del Popolo cinese hanno esteso la portata dei suoi tribunali commerciali internazionali (CICC). Per stabilire un accordo valido di scelta del foro devono essere soddisfatti tre requisiti - la natura internazionale, la forma scritta dell'accordo e l'importo della controversia - mentre non è più richiesta la "connessione effettiva".

Così hanno parlato i giudici cinesi sul riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze straniere: approfondimenti dei giudici della Corte suprema cinese sull'emendamento del 2023 alla legge sulla procedura civile (4)

La legge sulla procedura civile del 2023 introduce norme sistematiche per migliorare il riconoscimento e l’esecuzione delle sentenze straniere, promuovendo la trasparenza, la standardizzazione e la giustizia procedurale, adottando al contempo un approccio ibrido per determinare la giurisdizione indiretta e introducendo una procedura di riesame come rimedio legale.

Così hanno parlato i giudici cinesi sull'assunzione di prove all'estero: approfondimenti dei giudici della Corte suprema cinese sull'emendamento del 2023 alla legge sulla procedura civile (3)

La legge sulla procedura civile del 2023 introduce un quadro sistematico per l'assunzione delle prove all'estero, affrontando le sfide di lunga data nei contenziosi civili e commerciali, abbracciando al tempo stesso metodi innovativi come l'utilizzo di dispositivi di messaggistica istantanea, migliorando così l'efficienza e l'adattabilità delle procedure legali.

La SPC pubblica casi tipici di danni punitivi per la sicurezza alimentare

Nel novembre 2023, la Corte Suprema del Popolo cinese (SPC) ha rilasciato casi tipici di danni punitivi per la sicurezza alimentare, sottolineando la tutela dei diritti dei consumatori ed evidenziando casi di risarcimenti decuplicati concessi ai consumatori per violazioni della sicurezza alimentare.