China Justice Observer China

?

IngleseAraboCinese (semplificato)OlandeseFranceseTedescoHindiItalianoGiapponeseCoreanoPortogheseRussoSpagnolosvedeseebraicoIndonesianovietnamitatailandeseTurcoMalay

La Malesia respinge la richiesta di esecuzione della sentenza cinese a causa di “irregolarità procedurali” nel 2023

Gio, 25 Apr 2024
Categorie: Approfondimenti
Collaboratori: Meng Yu 余 萌
Editor: CJ Observer

Avatar

 

Le prelibatezze chiave:

  • Nel marzo 2023, l'Alta Corte della Malesia a Kuala Lumpur ha respinto una richiesta di esecuzione di una sentenza pecuniaria cinese, citando irregolarità procedurali (Mah Sau Cheong contro Wee Len, sistema operativo n. WA-24NCvC-800-03/2022).
  • Il caso sottolinea l'importanza fondamentale di presentare le sentenze straniere con una documentazione adeguata che aderisca ai requisiti legali malesi, come la produzione di originali o copie autenticate.
  • Fa luce sulle complessità legate all’applicazione delle sentenze straniere in Malesia, in particolare in giurisdizioni come la Cina che non sono paesi First Schedule ai sensi del Reciprocal Enforcement of Foreign Judgment Act 1958.


Il 22 marzo 2023, l’Alta Corte della Malesia a Kuala Lumpur, Malesia (di seguito “Corte malese”) ha respinto la citazione in giudizio (OS) per l’esecuzione di una sentenza monetaria cinese, a causa di “irregolarità procedurali” (Mah Sau Cheong contro Wee Len, sistema operativo n. WA-24NCvC-800-03/2022). 

Questa sentenza cinese, (2019) Hu 02 Min Zhong No. 5918 ((2019) 沪02民终5918号, di seguito “sentenza Shanghai”), è stata resa dalla Seconda Corte Intermedia del Popolo di Shanghai, che ha confermato la sentenza di primo grado (2018) ) Hu 0107 Min Chu N. 20019 ((2018) 沪0107民初20019号) dal Tribunale popolare primario del distretto di Pudong, Shanghai. 

A nostra conoscenza, questo è il primo caso in cui è stata richiesta l’esecuzione in Malesia di una sentenza monetaria cinese. Ringraziamo l'Asian Business Law Institute (ABLI) per aver pubblicato a commento sul caso e condividendo informazioni preziose con noi.

Il caso fornisce una finestra su se e come una sentenza straniera sia esecutiva in Malesia, in particolare attraverso un'azione di diritto comune, poiché si applica alle sentenze provenienti dalla Cina e da altri paesi stranieri che non sono paesi First Schedule ai sensi del Reciprocal Enforcement of Foreign Judgment Act 1958 (“REJA”). 

Ciò dimostra anche l’enfasi che la legge malese pone sulla formalità della prova delle sentenze straniere. In questo caso è stato il mancato rispetto delle formalità (“irregolarità procedurali” agli occhi del tribunale malese) a portare al licenziamento dell'OS.

I. Contesto del caso

Si tratta di una controversia sul prestito tra il querelante (creditore), Mah Sau Cheong, e il convenuto (debitore), Wee Len, entrambi malesi e residenti a Kuala Lumpur. All'epoca dei fatti il ​​convenuto era un dipendente della ricorrente.

Quando è sorta la controversia sui due contratti di prestito, il querelante ha intentato una causa contro il convenuto presso la Corte popolare primaria del distretto di Pudong, Shanghai. Il tribunale di prima istanza ha ritenuto che il prestito era valido e che i due accordi costituivano la prova del prestito di 14,000,000 di CNY concesso dal querelante al convenuto. 

Il 27 marzo 2019, il tribunale di primo grado cinese si è pronunciato a favore del querelante, ordinando al convenuto di pagare tale importo e gli interessi residui al querelante entro dieci giorni dalla data della sentenza. Insoddisfatto, il convenuto ha proposto ricorso.

Il 30 novembre 2020, la Seconda Corte Intermedia del Popolo di Shanghai, in qualità di corte d'appello, ha respinto il ricorso del Convenuto e ha confermato la sentenza del tribunale di primo grado. Al Convenuto è stato ordinato di rimborsare il prestito concesso dal Ricorrente per un importo di CNY 14,000,000 con interessi e spese di accettazione del caso rispettivamente di CNY 110,840 per ciascun tribunale.

Poiché il Convenuto aveva omesso e/o rifiutato di conformarsi alla Sentenza di Shanghai, il Querelante ha presentato domanda alla Corte malese per l'esecuzione della Sentenza di Shanghai in Malesia.

II. Viste di corte

2.1 Valutazione ai sensi della Common Law malese

Nel valutare la richiesta del querelante, la Corte malese ha osservato che poiché la Cina non era elencata nel primo elenco del REJA, la questione se la sentenza di Shanghai potesse essere eseguita dovrebbe essere valutata secondo il diritto comune.

Dopo l'esame, la Corte malese ha ritenuto che: 

a) Il giudizio di Shanghai è stato definitivo e definitivo.

b) La sentenza di Shanghai è stata emessa da un tribunale con giurisdizione competente riconosciuta ai sensi del diritto comune malese, poiché entrambe le parti avevano contrattualmente concordato di sottoporsi alla giurisdizione del tribunale del distretto di Pudong, Shanghai, e di sottoporre il loro contratto a disciplinato dalle leggi di Cina. 

c) La sentenza Shanghai non era contraria all'ordine pubblico, poiché tutti e tre i motivi invocati dal convenuto, ovvero il presunto pregiudizio nel presentare le sue difese a causa delle differenze procedurali tra il sistema inquisitorio utilizzato in Cina e il sistema inquisitorio applicato in Malesia, erano semplicemente insostenibili.

d) La sentenza Shanghai non è stata ottenuta con la frode. 

e) Il procedimento in cui è stata ottenuta la sentenza di Shanghai non si è opposto alla giustizia naturale, poiché il convenuto ha avuto un'equa opportunità di presentare il suo caso davanti ai tribunali di Shanghai.

Di conseguenza, la Corte malese ha ritenuto che il convenuto “non fosse riuscito a sollevare alcuna difesa” ai sensi della legge malese.

2.2 Prova della sentenza di Shanghai

Ai sensi del Malaysia Evidence Act 1950 (EA), affinché la sentenza di Shanghai sia ammessa come prova e utilizzata dal tribunale della Malesia, è necessario che siano soddisfatti i requisiti s78 EA o s86 EA. 

Per essere più specifici, deve essere prodotto un originale della sentenza o, se la copia è stata invocata, allora la copia deve essere autenticata in conformità con s78(1)(f) EA. In alternativa, la sentenza è ammissibile se sono soddisfatti i requisiti di s86 EA.

In questo caso, sono state prodotte solo copie della sentenza di Shanghai, insieme alle sue traduzioni, e tali copie non erano conformi né a s78(1)(f) né a s86 EA. Tali copie erano quindi inammissibili come prova della sentenza Shanghai.

È interessante notare che la Corte della Malesia non ha consentito alla richiesta del querelante di ammettere un'ulteriore dichiarazione giurata allegata alle sentenze originali di Shanghai, poiché la corte ha ritenuto che consentire l'introduzione di nuove prove come la sentenza originale di Shanghai in quella fase avrebbe consentito al querelante di rubare la marcia all'imputato.

Di conseguenza, in assenza della Sentenza di Shanghai, la richiesta del Querelante per l'esecuzione della Sentenza di Shanghai è stata respinta.

III. Commenti

Una “lezione appresa” da questo caso è che l’importanza della formalità delle domande non può essere sottovalutata. Per quanto riguarda la prova delle sentenze straniere in Malesia, devono essere prodotte le sentenze straniere originali o le copie conformi alle pertinenti disposizioni dell'EA. Una semplice copia con traduzione non è ammissibile come prova nei tribunali malesi.

Casi simili si possono trovare in Cina. 

Ad esempio, un tribunale locale cinese di Chenzhou, nella provincia di Hunan, ha respinto la richiesta di esecuzione di una sentenza pecuniaria in Myanmar, sulla base del fatto che i ricorrenti non avevano presentato l’originale o una copia autenticata della sentenza (vedi Tan Junping et al contro Liu Zuosheng et al, ((2020) Xiang 10 Xie Wai Ren No.1). 

Un altro esempio è Chen contro Cina Metallurgical Chenggong Construction Co. Ltd. (2018) Chuan 01 Xie Wai Ren No.3), un caso in cui una richiesta di esecuzione di una sentenza pecuniaria degli Emirati Arabi Uniti è stata respinta da un tribunale locale di Chengdu, nella provincia del Sichuan, a causa di errori di traduzione nella versione cinese della domanda.

Articoli correlati:

Vale anche la pena notare che il “respingimento” di una domanda non equivale al “diniego” del riconoscimento e/o dell'esecuzione. 

Almeno nel contesto giuridico cinese, se la sentenza straniera non soddisfa i presupposti per il riconoscimento e l’esecuzione, il tribunale cinese emetterà una sentenza di rigetto della domanda, e tale rigetto equivale a un rigetto senza pregiudizio, il che significa che i creditori della sentenza possono ancora intentare una causa davanti a un tribunale cinese o presentare nuovamente domanda dopo che tutte le precondizioni sono soddisfatte. Al contrario, se viene accertata l’esistenza di uno qualsiasi dei motivi di rifiuto, il tribunale cinese emetterà una sentenza contro il riconoscimento e l’esecuzione, e tale decisione di rifiuto equivale a un licenziamento con pregiudizio. Secondo la legge cinese sulla procedura civile recentemente modificata, tale decisione non è soggetta ad appello ma è soggetta a revisione.

Articoli correlati:

 

 

 

 

Foto di VENTILATORE di Hongwei on Unsplash

Collaboratori: Meng Yu 余 萌

Salva come PDF

Ti potrebbe piacere anche

Decodificare il punto di svolta: uno sguardo più attento al riconoscimento della bancarotta giapponese da parte della Cina

Questo articolo di follow-up si concentra sull'esame dettagliato del caso Shanghai International Corporation da parte della Corte cinese nel 2023, evidenziando l'importanza della reciprocità nelle procedure fallimentari transfrontaliere e sottolineando l'approccio in evoluzione della Cina al riconoscimento delle sentenze straniere (vedi In re Shanghai International Corporation (2021 ) Hu 03 Xie Wai Ren No.1).

SPC interpreta trattati e pratiche internazionali nei tribunali cinesi

Nel dicembre 2023, la Corte Suprema del Popolo cinese (SPC) ha riaffermato la supremazia dei trattati internazionali sulle leggi nazionali nelle cause civili e commerciali legate all'estero con la sua "Interpretazione su diverse questioni riguardanti l'applicazione dei trattati internazionali e delle pratiche internazionali" (关于审理涉外民商事案件适用国际条约和国际惯例若干问题的解释).

Così hanno parlato i giudici cinesi sul riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze straniere: approfondimenti dei giudici della Corte suprema cinese sull'emendamento del 2023 alla legge sulla procedura civile (4)

La legge sulla procedura civile del 2023 introduce norme sistematiche per migliorare il riconoscimento e l’esecuzione delle sentenze straniere, promuovendo la trasparenza, la standardizzazione e la giustizia procedurale, adottando al contempo un approccio ibrido per determinare la giurisdizione indiretta e introducendo una procedura di riesame come rimedio legale.

La Corte cinese di Wenzhou riconosce la sentenza monetaria di Singapore

Nel 2022, un tribunale cinese locale a Wenzhou, nella provincia di Zhejiang, ha deciso di riconoscere e dare esecuzione a una sentenza pecuniaria emessa dai tribunali statali di Singapore, come evidenziato in uno dei casi tipici relativi alla Belt and Road Initiative (BRI) recentemente pubblicato dal governo cinese Corte Suprema del Popolo (Shuang Lin Construction Pte. Ltd. v. Pan (2022) Zhe 03 Xie Wai Ren No.4).