China Justice Observer China

?

IngleseAraboCinese (semplificato)OlandeseFranceseTedescoHindiItalianoGiapponeseCoreanoPortogheseRussoSpagnolosvedeseebraicoIndonesianovietnamitatailandeseTurcoMalay

Cosa c'è di nuovo per le norme cinesi sulla giurisdizione civile internazionale? (A) - Guida tascabile al diritto di procedura civile cinese del 2023 (2)

Domenica, 26 novembre 2023
Categorie: Approfondimenti
Collaboratori: Meng Yu 余 萌
Editor: Shuai Huang

Avatar

 

Il quinto emendamento (2023) al diritto di procedura civile della RPC ha aperto un nuovo capitolo sulle norme sulla giurisdizione civile internazionale in Cina, coprendo quattro tipi di basi giurisdizionali, procedimenti paralleli, lis alibi pendens e forum non conveniens. Questo post si concentra sui quattro tipi di motivi giurisdizionali, vale a dire giurisdizione speciale, giurisdizione convenzionale, giurisdizione per sottomissione e giurisdizione esclusiva.

Le prelibatezze chiave:

  • Nel quinto emendamento (2023) del diritto di procedura civile della RPC, un totale di sette nuovi articoli (articoli 276-282) ha aperto un nuovo capitolo sulle norme internazionali sulla giurisdizione civile in Cina, coprendo quattro tipi di basi giurisdizionali, procedimenti paralleli, lis alibi pendens e forum non conveniens.
  • Secondo la norma sulla competenza speciale (art. 276), i tribunali cinesi possono esercitare la giurisdizione sulle controversie di natura estera (diverse da quelle che coinvolgono rapporti di identità) intentate contro convenuti domiciliati all’estero, a condizione che una delle cinque sedi sopra elencate sia situata nel territorio di Cina. Inoltre, introduce per la prima volta il principio della “corretta connessione”: i tribunali cinesi possono esercitare la giurisdizione su controversie relative all’estero se le controversie hanno altri collegamenti adeguati con la Cina.
  • Secondo la regola della giurisdizione mediante accordo (articolo 277), non è più richiesto che il tribunale prescelto debba avere un “nesso effettivo” con la controversia nei casi in cui i tribunali prescelti sono i tribunali cinesi.
  • Secondo la norma sulla giurisdizione per sottomissione (articolo 278), laddove le parti non sollevano alcuna eccezione di giurisdizione e rispondono per difendere o presentare domande riconvenzionali, i tribunali cinesi sono considerati competenti.
  • La norma sulla giurisdizione esclusiva (articolo 279) introduce due nuovi tipi di casi come base su cui i tribunali cinesi possono stabilire la giurisdizione esclusiva.

Il 1° settembre 2023, il quinto emendamento alla legge sulla procedura civile della RPC (la "CPL 2023") è stato adottato dalla massima legislatura cinese, il Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo. La CPL del 2023 ha apportato modifiche significative alle procedure civili internazionali. Tra gli altri, importanti cambiamenti si riscontrano nelle norme sulla giurisdizione civile internazionale, sul riconoscimento e l’esecuzione delle sentenze straniere e sulla notificazione transfrontaliera dei processi.

Lo scopo di questa Guida tascabile è quello di far conoscere ai lettori CJO questi sviluppi salienti nella CPL del 2023. Essendo uno degli aspetti più luminosi del Quinto Emendamento, un insieme di sette disposizioni -Art. 276-282 - ha aperto un nuovo capitolo sulle norme internazionali sulla giurisdizione civile in Cina, coprendo quattro tipi di motivi giurisdizionali, procedimenti paralleli, lis alibi pendens e forum non conveniens.

Come secondo articolo della Guida tascabile, questo post si concentra sulle norme della giurisdizione civile internazionale, in particolare sui quattro tipi di criteri giurisdizionali, vale a dire giurisdizione speciale, giurisdizione per accordo (giurisdizione consensuale), giurisdizione per sottomissione (proroga di giurisdizione), e giurisdizione esclusiva.

Articoli correlati:

I. Competenza speciale (Art. 276)

“Articolo 276 Se contro un convenuto che non ha domicilio nel territorio della Repubblica popolare cinese viene intentata un'azione per una controversia civile con sede all'estero, fatta eccezione per i rapporti d'identità, è competente il tribunale popolare del luogo di conclusione del contratto può essere competente il luogo di esecuzione del contratto, il luogo dell'oggetto della controversia, il luogo dei beni pignorabili, il luogo dell'atto di contraffazione o il domicilio dell'ufficio di rappresentanza, se il luogo di esecuzione del contratto contratto, il luogo di esecuzione del contratto, il luogo dell'oggetto della controversia, il luogo dei beni pignorabili, il luogo dell'atto di violazione o il domicilio dell'ufficio di rappresentanza si trovano nel territorio della Repubblica popolare di Cina.

Fatto salvo quanto previsto nel paragrafo precedente, le controversie civili relative all'estero che altrimenti hanno un collegamento adeguato con la Repubblica popolare cinese possono ricadere sotto la giurisdizione dei tribunali popolari.

Questa disposizione è nota come regola della “competenza territoriale speciale” (o, in breve, “giurisdizione speciale”), in contrapposizione alla regola della “competenza territoriale generale” della CPL, che stabilisce il domicilio del convenuto come base della giurisdizione.

Ai sensi dell'art. 276, par. 1, i tribunali cinesi possono esercitare giurisdizione sulle controversie con sede all'estero (ad eccezione di quelle riguardanti rapporti di identità) intentate contro convenuti domiciliati all'estero, a condizione che una delle cinque sedi sopra elencate si trovi nel territorio della Cina. Il predecessore di questo articolo è l’art. 272 della CPL 2021.

L'aspetto più significativo di questo articolo (o forse di questo emendamento) risiede nell'aggiunta del secondo paragrafo. Questo paragrafo introduce per la prima volta il principio del corretto collegamento: i tribunali cinesi possono esercitare la giurisdizione sulle controversie relative all’estero se le controversie hanno altri collegamenti adeguati con la Cina, indipendentemente dal fatto che le cinque sedi sopra menzionate siano all’interno del territorio cinese. Ciò che costituisce una “connessione adeguata” è lasciato alla discrezione dei giudici cinesi.

Una cosa è certa: questa nuova disposizione mira ad espandere la giurisdizione dei tribunali cinesi sulle cause civili e commerciali legate all’estero.

II. Competenza convenzionale (art. 277)

Arte. 277 della CPL 2023, che disciplina la giurisdizione mediante convenzione, così recita:

"Articolo 277 Se le parti in una controversia civile connessa all'estero convengono per iscritto di scegliere come competente un tribunale popolare, il tribunale popolare può essere competente."

La regola della competenza concordata è stata stabilita già nel 1991 con l'entrata in vigore della CPL, all'art. 244 della Parte IV “Disposizioni particolari sulle cause civili con sede all'estero”, che affermava il diritto delle parti di scegliere convenzionalmente il foro competente, e imponeva al tempo stesso alcune limitazioni all'autonomia delle parti, tra cui l'obbligo che il foro prescelto La giurisdizione deve avere un collegamento effettivo con la controversia. Nel Secondo Emendamento della CPL del 2012, questo articolo è stato fuso con le disposizioni sulla competenza delle controversie interne mediante convenzione e ricollocato nella Parte II “Procedura processuale”. Dopo la fusione, i contenuti sono rimasti sostanzialmente invariati (salvo alcuni testi) e restano valide le limitazioni precedenti, compreso l'obbligo di connessione vera e propria.

Rispetto al suo predecessore, la novità più significativa in questo articolo riguarda le “limitazioni”. È chiaro che non esistono altre restrizioni oltre alla condizione di un “accordo scritto”. In altre parole, non è più necessario che il giudice prescelto abbia un “effettivo collegamento” con la controversia. 

Va notato, tuttavia, che il fatto che “non è richiesto alcun collegamento effettivo” si applica solo ai casi in cui le parti hanno scelto i tribunali cinesi (non i tribunali stranieri) come foro competente. Nei casi in cui le parti hanno scelto il giudice straniero, resta fermo il requisito del “collegamento effettivo” ex art. 529 dell'Interpretazione CPL 2022.

Se il tribunale straniero scelto dalle parti non ha alcun legame effettivo con la controversia, vi saranno ostacoli al riconoscimento e all'esecuzione della sentenza del tribunale straniero in Cina? Tale questione richiede un’analisi delle disposizioni della CPL 2023 in materia di riconoscimento ed esecuzione delle sentenze straniere, in primo luogo negli artt. 300 e 301. Per un'analisi dettagliata si rimanda alla “Cosa c'è di nuovo per le norme cinesi sul riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze straniere? - Guida tascabile al diritto di procedura civile cinese del 2023 (1). " 

Post correlati:

III. Competenza per sottomissione (Proroga di competenza) (Art. 278)

Arte. 278 della CPL 2023, che disciplina la giurisdizione per sottomissione (proroga di giurisdizione), così recita:

“Articolo 278 Se le parti non sollevano alcuna eccezione di giurisdizione e rispondono per difendere o presentare domande riconvenzionali, si ritiene competente il tribunale popolare”.

La regola di competenza per sottomissione ha un destino simile alla regola di competenza per convenzione, che entrambe rientravano nella parte delle cause civili all'estero della CPL e si applicavano esclusivamente alle controversie civili all'estero. Tuttavia, nel secondo emendamento alla CPL del 2012, la posizione dell’articolo è stata spostata dalla Parte IV alla Parte II e resa applicabile sia al contenzioso civile nazionale che a quello straniero.

Ora, la norma sulla giurisdizione per sottomissione è tornata al suo posto originario, diventando ancora una volta una disposizione sulla giurisdizione per sottomissione specificamente applicabile alle controversie civili con sede all’estero nella Parte IV. Dal punto di vista dei contenuti non ci sono cambiamenti significativi. In sintesi, ci sono due requisiti: uno di inerzia, cioè non sollevare eccezioni di giurisdizione, e un altro di azione, cioè rispondere per difendersi o presentare domande riconvenzionali. Il cambiamento principale in questa revisione è l'aggiunta della “richiesta riconvenzionale”, che ora è riconosciuta come un'azione che indica l'accettazione della giurisdizione del tribunale, oltre alla “rispondere per difendere”.

IV. Competenza esclusiva (art. 279)

Arte. 279 del 2023 CPL, che disciplina la competenza esclusiva, così recita:

“Articolo 279 Il tribunale popolare ha giurisdizione esclusiva sulle seguenti cause civili:

(1) azioni avviate a causa di controversie sulla costituzione, scioglimento e liquidazione di una persona giuridica o di qualsiasi altra organizzazione stabilita nel territorio della Repubblica popolare cinese, nonché sulla validità di una decisione adottata da detta persona giuridica o altra organizzazione;

(2) azioni avviate a causa di controversie relative all'esame della validità dei diritti di proprietà intellettuale concessi nel territorio della Repubblica Popolare Cinese; E

(3) azioni avviate a causa di controversie derivanti dall'esecuzione di contratti di joint venture azionaria sino-straniera, di contratti di joint venture cooperativa sino-straniera e di contratti di esplorazione e sviluppo cooperativo sino-straniero di risorse naturali nel territorio della Repubblica popolare cinese .”

Rispetto al suo predecessore (art. 273 CPL 2021), questo articolo introduce altre due tipologie di casi (vale a dire, le prime due delle tre tipologie) come base per stabilire la giurisdizione esclusiva dei tribunali cinesi.

La norma sulla giurisdizione esclusiva è fondamentale, poiché è anche necessario determinare se una controversia rientra nella giurisdizione esclusiva dei tribunali cinesi in situazioni che comportano procedimenti paralleli, forum non conveniens, riconoscimento ed esecuzione di sentenze straniere e altre circostanze.

Articoli correlati:

 

Foto di Nega Nevozhai on Unsplash

 

Collaboratori: Meng Yu 余 萌

Salva come PDF

Ti potrebbe piacere anche

Decodificare il punto di svolta: uno sguardo più attento al riconoscimento della bancarotta giapponese da parte della Cina

Questo articolo di follow-up si concentra sull'esame dettagliato del caso Shanghai International Corporation da parte della Corte cinese nel 2023, evidenziando l'importanza della reciprocità nelle procedure fallimentari transfrontaliere e sottolineando l'approccio in evoluzione della Cina al riconoscimento delle sentenze straniere (vedi In re Shanghai International Corporation (2021 ) Hu 03 Xie Wai Ren No.1).

SPC interpreta trattati e pratiche internazionali nei tribunali cinesi

Nel dicembre 2023, la Corte Suprema del Popolo cinese (SPC) ha riaffermato la supremazia dei trattati internazionali sulle leggi nazionali nelle cause civili e commerciali legate all'estero con la sua "Interpretazione su diverse questioni riguardanti l'applicazione dei trattati internazionali e delle pratiche internazionali" (关于审理涉外民商事案件适用国际条约和国际惯例若干问题的解释).

Così hanno parlato i giudici cinesi sul riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze straniere: approfondimenti dei giudici della Corte suprema cinese sull'emendamento del 2023 alla legge sulla procedura civile (4)

La legge sulla procedura civile del 2023 introduce norme sistematiche per migliorare il riconoscimento e l’esecuzione delle sentenze straniere, promuovendo la trasparenza, la standardizzazione e la giustizia procedurale, adottando al contempo un approccio ibrido per determinare la giurisdizione indiretta e introducendo una procedura di riesame come rimedio legale.

Così hanno parlato i giudici cinesi sull'assunzione di prove all'estero: approfondimenti dei giudici della Corte suprema cinese sull'emendamento del 2023 alla legge sulla procedura civile (3)

La legge sulla procedura civile del 2023 introduce un quadro sistematico per l'assunzione delle prove all'estero, affrontando le sfide di lunga data nei contenziosi civili e commerciali, abbracciando al tempo stesso metodi innovativi come l'utilizzo di dispositivi di messaggistica istantanea, migliorando così l'efficienza e l'adattabilità delle procedure legali.

Così hanno parlato i giudici cinesi sulla notifica transfrontaliera dei processi: approfondimenti dei giudici della Corte suprema cinese sull'emendamento del 2023 alla legge sulla procedura civile (2)

La legge sulla procedura civile del 2023 adotta un approccio orientato ai problemi, affrontando le difficoltà nella notifica dei processi per le cause relative all'estero espandendo i canali e riducendo il servizio per periodo di pubblicazione a 60 giorni per le parti non domiciliate, riflettendo un'iniziativa più ampia per migliorare l'efficienza e adattare le procedure legali alle complessità del contenzioso internazionale.

Così hanno parlato i giudici cinesi sulla giurisdizione civile internazionale: approfondimenti dei giudici della Corte suprema cinese sull'emendamento del 2023 al diritto di procedura civile (1)

Gli approfondimenti dei giudici della Corte Suprema cinese sull’emendamento alla legge sulla procedura civile del 2023 evidenziano modifiche significative alle norme di procedura civile internazionale, tra cui l’estensione della giurisdizione dei tribunali cinesi, miglioramenti nella giurisdizione consensuale e il coordinamento dei conflitti giurisdizionali internazionali.

La Corte cinese di Wenzhou riconosce la sentenza monetaria di Singapore

Nel 2022, un tribunale cinese locale a Wenzhou, nella provincia di Zhejiang, ha deciso di riconoscere e dare esecuzione a una sentenza pecuniaria emessa dai tribunali statali di Singapore, come evidenziato in uno dei casi tipici relativi alla Belt and Road Initiative (BRI) recentemente pubblicato dal governo cinese Corte Suprema del Popolo (Shuang Lin Construction Pte. Ltd. v. Pan (2022) Zhe 03 Xie Wai Ren No.4).

Crocevia legale: la Corte canadese nega la sentenza sommaria per il riconoscimento della sentenza cinese di fronte a procedimenti paralleli

Nel 2022, la Corte Superiore di Giustizia dell'Ontario del Canada ha rifiutato di emettere una sentenza sommaria per eseguire una sentenza pecuniaria cinese nel contesto di due procedimenti paralleli in Canada, indicando che i due procedimenti avrebbero dovuto procedere insieme in quanto vi era una sovrapposizione fattuale e giuridica, e giudicabili le questioni riguardavano la difesa della giustizia naturale e dell’ordine pubblico (Qingdao Top Steel Industrial Co. Ltd. v. Fasteners & Fittings Inc. 2022 ONSC 279).