China Justice Observer China

?

IngleseAraboCinese (semplificato)OlandeseFranceseTedescoHindiItalianoGiapponeseKoreanPortogheseRussianSpagnoloSwedishebraicoIndonesianvietnamitaThaiturcoMalay

Gli accordi di amministrazione sono arbitrabili in Cina?

Domenica 11 aprile 2021
Categorie: Approfondimenti

Avatar

Se una società nomina il proprio amministratore e stipula un accordo con quest'ultimo in relazione a tale nomina e ai suoi diritti e doveri in base a ciò, le controversie derivanti da tale accordo possono essere soggette ad arbitrato in conformità con la clausola compromissoria?

La risposta è no. In conformità con una sentenza definitiva emessa dalla Seconda Corte Intermedia del Popolo di Pechino nel Tang contro Beijing XX Decoration Technology Company (2019), l'accordo, almeno la parte del quale inerente la struttura organizzativa e le materie di governo interno, potrebbe non essere arbitrale.

I. Il caso

L'11 settembre 2019, la Seconda Corte Intermedia del Popolo di Pechino ha stabilito nella sua sentenza di secondo grado Tang v. Beijing XX Decoration Technology Company ("la Società") che "la nomina degli amministratori e la determinazione delle retribuzioni degli amministratori sono atti organizzativi interni della società ". (Vedi [2019] Jing 02 Min Zhong No. 10222)

In questo caso, Tang e la Società hanno firmato un accordo di amministrazione nel 2006, stabilendo che la Società ha nominato Tang come amministratore e che poteva godere dei diritti a ricevere dividendi durante il periodo di mandato. Tuttavia, nella delibera dell'assemblea degli azionisti della Società, Tang è stato nominato supervisore anziché amministratore. Successivamente, Tang ha intentato una causa presso il tribunale per ottenere i dividendi previsti dall'accordo.

Il tribunale di secondo grado ha ritenuto che: (1) l'assemblea dei soci avesse poteri per la nomina degli amministratori e la determinazione del compenso degli amministratori, pertanto l'accordo di amministrazione non sarebbe entrato in vigore finché l'assemblea non avesse preso le relative deliberazioni; (2) per quanto riguarda il rapporto tra le deliberazioni dell'assemblea e il contratto di amministrazione (in quanto contratto di incarico), la nomina degli amministratori e la determinazione dei compensi degli amministratori erano atti organizzativi interni della società e non comportavano la tutela degli interessi di terzi nella transazione.

Il tribunale di secondo grado ha stabilito che il contratto di amministrazione non era ancora entrato in vigore in quanto non è stata presa alcuna delibera in materia in assemblea. Di conseguenza, il tribunale ha deciso di non sostenere la richiesta di Tang.

È interessante notare che in questo caso il tribunale di secondo grado ha pronunciato una sentenza: “la nomina degli amministratori e la determinazione dei compensi degli amministratori sono atti organizzativi interni della società e non comportano la tutela degli interessi di terzi nell'operazione”.

Questa sentenza attira la nostra attenzione su una questione: se l'accordo di direzione è arbitrabile.

Ⅱ. Un articolo in People's Court Daily

Il tribunale di primo grado del caso ha pubblicato sul People's Court Daily il 14 gennaio 2021 un articolo intitolato Accordi di nomina di amministratori senza una valida risoluzione dell'assemblea degli azionisti non sarà valido (未经 股东 会 作出 有效 决议 而 签订 的 董事 委托合同 无效), introducendo e analizzando il caso di cui sopra. L'autore dell'articolo ha sottolineato che: (1) ai sensi dell'articolo 37 del diritto societario, l'elezione e la sostituzione degli amministratori e dei supervisori che non sono rappresentanti dei dipendenti e la determinazione della remunerazione degli amministratori e dei supervisori rientrano nelle funzioni e nei poteri del assemblea dei soci di una società a responsabilità limitata; (2) l'accordo sulla nomina e la remunerazione degli amministratori firmato tra la società e i potenziali amministratori è una tipologia di contratto di incarico della società per affidare ai candidati amministratori lo svolgimento delle funzioni di amministratore e occuparsi degli affari della società.

Si può quindi constatare che, a giudizio del tribunale di secondo grado, l'esecuzione da parte della società dell'accordo sulla nomina e la remunerazione degli amministratori è in realtà disposta dalla Società in conformità al diritto societario e allo statuto in materia di la sua struttura organizzativa e governance interna e altre questioni, e tali questioni non implicheranno alcuna transazione o tutela degli interessi delle parti del contratto.

Pertanto, è probabile che le controversie derivanti da tali accordi di incarico di amministratore vengano considerate dal tribunale come controversie sul governo societario, piuttosto che controversie contrattuali e altre controversie su diritti di proprietà e interessi tra cittadini, persone giuridiche e altre organizzazioni di pari status, che possono essere sottoposto ad arbitrato ai sensi degli articoli 2 e 3 della Legge sull'arbitrato.

In sintesi, l'autore di questo post ricorda che: sulla base del parere del tribunale di secondo grado nella fattispecie, le controversie derivanti da accordi di ingaggio degli amministratori, almeno per la parte relativa alla struttura organizzativa e alle questioni di governance interna, probabilmente falliranno rispettare le disposizioni sull'arbitrato della Legge sull'arbitrato, e pertanto la controversia deve essere sottoposta al tribunale in conformità con il diritto delle società e lo statuto.

Dichiarazione di non responsabilità: questo post non rappresenta una consulenza legale da parte dell'autore su questioni rilevanti. Se hai bisogno di consulenza legale o analisi professionale, consulta un avvocato.

Collaboratori: Dennis (Yongquan) Deng

Salva come PDF

Ti potrebbe piacere anche

In che modo i tribunali cinesi garantiscono l'imparzialità nell'esecuzione delle sentenze straniere: approvazione interna ex ante e deposito ex post: svolta per la raccolta delle sentenze in Cina Serie (XI)

La Cina ha pubblicato una politica giudiziaria storica sull'esecuzione delle sentenze straniere nel 2022. Questo post affronta l'approvazione interna ex ante e le dichiarazioni ex post, un meccanismo progettato dalla Corte suprema cinese per garantire l'imparzialità nell'esecuzione delle sentenze straniere.

Autisti in Cina: non dipendenti, ma appaltatori indipendenti

I conducenti nelle piattaforme di chiamata come Uber non sono dipendenti, ma appaltatori indipendenti, afferma una politica del governo cinese recentemente emanata nel 2021, che sottolinea anche che le piattaforme dovrebbero trattare i lavoratori come dipendenti in determinati aspetti.