China Justice Observer China

?

IngleseAraboCinese (semplificato)OlandeseFranceseTedescoHindiItalianoGiapponeseKoreanPortogheseRussianSpagnoloSwedishebraicoIndonesianvietnamitaThaiturcoMalay

Applicazione della CISG alla RAS di Hong Kong: passato, presente e prospettiva

Mer, 25 maggio 2022
Categorie: Approfondimenti
Editor: CJ Observer

Introduzione

Il 5 maggio 2022 la Cina ha depositato una dichiarazione di estensione dell'applicazione territoriale della Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti di vendita internazionale di merci (VIENNA del 1980, di seguito “CISG” o “Convenzione”) a Hong Kong, Regione amministrativa speciale della Cina ("la RAS di Hong Kong"). L'applicazione territoriale entrerà in vigore il 1° dicembre 2022 ai sensi dell'articolo 97, comma 3, della CISG.[1] Inoltre, la dichiarazione che la Cina non è vincolata dall'articolo 1, paragrafo 1, lettera b), della CISG non si applica alla RAS di Hong Kong.[2] Pertanto, la CISG entrerà in vigore per Hong Kong il 1° dicembre 2022.

I. Passato: l'applicabilità della CISG a Hong Kong era negativa o controversa

1.1 L'applicabilità della CISG tra Hong Kong e la Cina continentale è stata negativa

La CISG è un trattato sul commercio internazionale con accettazione e influenza a livello mondiale. Fornisce regole uniformi per disciplinare i contratti di vendita internazionale di beni. Al momento, ci sono 95 Stati contraenti della Convenzione e 19 firmatari. In quanto uno degli Stati contraenti, la Cina ha depositato il documento di approvazione della Convenzione presso il Segretario Generale delle Nazioni Unite l'11 dicembre 1986 ed è entrata ufficialmente in vigore il 1° gennaio 1988. Sul contenuto della Convenzione, la Cina ha riserve ai sensi dell'articolo 95 della CISG di non essere vincolato dai seguenti articoli: articolo 1, paragrafo 1, lettera b) (sull'applicazione del diritto di uno Stato in virtù delle norme di diritto internazionale privato), articolo 11 e relativi contenuti (moduli diversi da quelli scritti). Tuttavia, poiché all'epoca Hong Kong non era stata restituita alla Cina, la CISG non si applicava simultaneamente a Hong Kong.

Come una questione di storia, Hong Kong è stata a lungo amministrata sotto il governo britannico fino al 1 luglio 1997, quando è tornata in Cina. Prima del ritorno di Hong Kong, la CISG non poteva essere applicata a Hong Kong perché il Regno Unito non era parte della CISG. Dopo la riunificazione, sebbene il governo centrale cinese avesse firmato la CISG, non c'erano dichiarazioni, dichiarazioni o disposizioni sulla possibilità di applicare la CISG a Hong Kong. Il 20 giugno 1997, la Cina ha presentato una dichiarazione al Segretario Generale delle Nazioni Unite, in cui elencava le convenzioni alle quali la Cina ha aderito che si applicheranno a Hong Kong dopo il suo ritorno. Il CISG non era nella lista.[3]

Per un periodo di tempo considerevole, studiosi e professionisti hanno sostanzialmente raggiunto un consenso sull'applicazione della CISG tra la Cina continentale e Hong Kong, ovvero, a meno che le parti non concordino chiaramente che la CISG è la legge applicabile, la CISG non è applicabile alle controversie tra le parti nel continente e Hong Kong.

1.2 L'applicabilità della CISG tra Hong Kong e l'estero è stata controversa

A differenza del consenso sull'applicazione della CISG tra Hong Kong e la Cina continentale, tuttavia, in passato è stato controverso se la CISG sia applicabile tra Hong Kong e paesi stranieri. Alcuni tribunali stranieri ritengono che la CISG possa essere applicata a Hong Kong sulla base del motivo che Hong Kong fa parte del territorio della Cina e le note diplomatiche depositate dalla Cina non soddisfacevano i requisiti per una riserva in quanto la nota non "dichiarava espressamente le unità territoriali alle quali la Convenzione si estende». (CNA Int'l Inc. contro Guangdong Kelon Electronical Holdings[4]; Electrocraft Arkansas, Inc. contro Super Electric Motors Ltd. [5]) Nel frattempo, altri tribunali negano tale applicabilità (Caso di prodotti per telecomunicazioni[6], Innotex Precision Ltd contro Horei Image Products[7]).

Pertanto, fino a questa dichiarazione del 5 maggio 2020, è stato controverso se la CISG possa essere applicata tra Hong Kong e l'estero.

 

II. Presente: proposta, emanazione ed effetto della nuova ordinanza in RASS

Di fronte all'applicazione negativa o controversa della CISG a Hong Kong, il governo della RAS di Hong Kong e il Consiglio legislativo hanno apportato modifiche. Il 7 ottobre 2021 è stata emanata l'ordinanza sulla vendita di merci (Convenzione delle Nazioni Unite) (Cap. 641) ("Nuova ordinanza") per attuare la CISG nella RAS di Hong Kong.[8] Ai sensi dell'articolo 1 “Titolo breve e decorrenza” della Sezione 1 della Nuova Ordinanza, tale ordinanza entra in vigore in un giorno che sarà nominato dal Segretario di Giustizia con avviso pubblicato in Gazzetta. La CISG avrà forza di legge nella RAS di Hong Kong una volta entrata in vigore la nuova ordinanza, ma la riserva formulata dalla Repubblica popolare cinese ai sensi dell'articolo 95 della Convenzione non è efficace a Hong Kong. Secondo la nuova ordinanza, la nuova ordinanza o le regole della CISG prevarrebbero nella misura in cui vi fosse un'incoerenza tra la nuova ordinanza o la CISG e qualsiasi altra legge di Hong Kong.

Ci sono voluti più di due anni prima che Hong Kong prendesse in considerazione la proposta di applicazione della CISG nella RAS di Hong Kong prima che la Nuova Ordinanza fosse finalmente emanata. Il 27 maggio 2019, il Dipartimento di giustizia ("DoJ") del governo dell'HSAR ha presentato una proposta e intendeva avviare un esercizio di consultazione di tre mesi nel luglio 2019 sulla proposta di applicazione della CISG alla RAS di Hong Kong.[9]  Sebbene ci fosse un'affermazione dubbia secondo cui la CISG avrebbe sminuito la tradizione della common law, il maggiore sostiene ancora fortemente la proposta di estensione della CISG a Hong Kong e la vede come una causa ben giustificata.[10] Poiché le transazioni tra un'azienda a Hong Kong e un'azienda nella Cina continentale erano all'interno dello stesso paese, la CISG (come trattato internazionale) non si applicava automaticamente. C'era una tale incertezza che se la CISG potesse essere estesa a tutte le "unità territoriali" della Repubblica popolare cinese (RPC) ai sensi dell'articolo 93, paragrafo 4, se la RPC non avesse rilasciato una dichiarazione. Al fine di rimuovere questa ambiguità, il DoJ ha sostenuto l'espressa estensione della CISG a Hong Kong. [11]

Per ora, c'è ancora la certezza che la Nuova Ordinanza o CISG non si applichi tra la terraferma e la RAS di Hong Kong. Sotto il profilo dell'interpretazione testuale, come prevede l'articolo 1, comma 1, della CISG “la presente Convenzione si applica ai contratti di vendita di beni tra soggetti con sedi di attività in Stati diversi”, il che può spiegare che la CISG o la Nuova Ordinanza è non applicabile tra Hong Kong e la Cina continentale in quanto unità territoriali di uno Stato. Tuttavia, dato che la Cina continentale e la RAS di Hong Kong sono due giurisdizioni diverse, il DoJ potrebbe esplorare e discutere con la Cina continentale la possibilità di stabilire un accordo reciproco in modo che le regole della CISG possano essere attuate in modo completo e sistematico in relazione alle transazioni Hong Kong/continente.[12]

 

III. Prospettiva: vantaggi per Hong Kong e opportunità per Macao

L'estensione dell'applicazione della CISG alla RAS di Hong Kong potrebbe potenzialmente migliorare lo status di Hong Kong come centro di commercio internazionale e risoluzione delle controversie. Come rilevato nel documento di consultazione, l'attuazione della CISG a Hong Kong presenta vantaggi significativi, che si manifestano principalmente nei seguenti aspetti: (1) guida del PIL e della crescita commerciale di Hong Kong; (2) evitare che le imprese di Hong Kong non abbiano familiarità con le leggi straniere quando effettuano transazioni transfrontaliere; (3) migliorare la competenza di Hong Kong nella risoluzione delle controversie CISG. Inoltre, la possibilità di derogare alla CISG aumenta l'autonomia e la flessibilità dei partiti. [13] Ultimo ma non meno importante, chiarisce l'incertezza se la CISG possa essere applicata a Hong Kong per tribunali e professionisti stranieri.

La RAS di Macao ha dovuto affrontare la stessa situazione con la RAS di Hong Kong per quanto riguarda l'applicabilità della CISG. [14]L'autore ritiene che questo evento di attuazione della CISG a Hong Kong sia un'opportunità e potrebbe essere un test per Macao. In altre parole, il governo della RAS di Macao o il dipartimento legislativo possono prendere la decisione di "seguire l'esempio di Macao" a seconda dell'effetto dell'operazione della CISG a Hong Kong.

 

 

Foto di Yufeng Fei su Unsplash

 

[1]  Si veda la Commissione delle Nazioni Unite sul diritto commerciale internazionale, "La Cina deposita la dichiarazione di applicazione territoriale della Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti per la vendita internazionale di merci alla RAS di Hong Kong", disponibile all'indirizzo https://uncitral.un.org/en/ news/china-deposits-declaration-territorial-application-united-nations-convention-contracts, ultima visita 21 maggio 2022.

[2]  Cfr. i COMUNICATI STAMPA, "La Cina deposita la dichiarazione di applicazione territoriale della Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti per la vendita internazionale di merci alla RAS di Hong Kong", disponibile all'indirizzo https://unis.unvienna.org/unis/en/pressrels/2022/unisl327.html, ultima visita 21 maggio 2022.

[3] Yao Jianjun, Una breve analisi dell'applicazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti per la vendita internazionale di beni, disponibile all'indirizzo http://rmfyb.chinacourt.org/paper/html/2013-03/20/content_60313.htm?div=-1, ultima visita 21 maggio 2022.

[4] Corte distrettuale dell'Illinois, CNA Int'l Inc. contro Guangdong Kelon Electronical Holdings et al., Caso n. 05 C 5734 (2008).

[5] Tribunale distrettuale dell'Arkansas in Electrocraft Arkansas, Inc. contro Super Electric Motors Ltd et al., Caso n. 4:09 CV 00318 SWW (2009).

[6] Cour de Cassation, causa n. 04-117726, 2 aprile 2008, tr. Nathalie Hoffman, disponibile presso http://cisgw3.law.pace.edu/cases/080402f1.html, ultima visita 21 maggio 2022.

[7] Innotex Precision Ltd contro Horei Image Products 679 F. Supp. 2d 1356 (2009).

[8] Si veda il database ufficiale della legislazione di Hong Kong “Hong Kong e-Legislation”, Ordinanza n. 30 del 2021, disponibile all'indirizzo https://www.elegislation.gov.hk/hk/cap641, ultima visita 14 maggio 2022.

[9] Consultazione sulla proposta di applicazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti di vendita internazionale di merci alla regione amministrativa speciale di Hong Kong, Comitato del Consiglio legislativo sull'amministrazione della giustizia e dei servizi giuridici il 27 maggio 2019, Documento LC n. CB (4)908/ 18-19(03).

[10] Qiao Liu e Jiangyu Wang, Applicare la CISG a Hong Kong: Analisi giuridica e raccomandazioni politiche, The Chinese Journal of Comparative Law, (2022) pp. 1-10.

[11] Ibid.

[12] Informazioni generali sulla proposta di applicazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti per la vendita internazionale di merci alla regione amministrativa speciale di Hong Kong, riunione del gruppo sull'amministrazione della giustizia e dei servizi legali il 25 maggio 2020, documento LC n. CB (4)583 /19-20(06).

[13] Dipartimento di giustizia della regione amministrativa speciale di Hong Kong, "Documento di consultazione sulla proposta di applicazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti per la vendita internazionale di merci alla regione amministrativa speciale di Hong Kong", disponibile all'indirizzo  https://www.doj.gov.hk/en/featured/consultation_paper.html, ultima visita 21 maggio 2022.

[14] Zeyu Huang e Wenhui Chi, la CISG si applica ora a Hong Kong e alla Cina continentale: Macao seguirà l'esempio? 7 maggio 2022, disponibile all'indirizzo https://conflictoflaws.net/, ultima visita 21 maggio 2022.

Collaboratori: Zilin Hao 郝 梓 林

Salva come PDF

Ti potrebbe piacere anche

Autisti in Cina: non dipendenti, ma appaltatori indipendenti

I conducenti nelle piattaforme di chiamata come Uber non sono dipendenti, ma appaltatori indipendenti, afferma una politica del governo cinese recentemente emanata nel 2021, che sottolinea anche che le piattaforme dovrebbero trattare i lavoratori come dipendenti in determinati aspetti.

Tribunali cinesi nella riforma del sistema giudiziario

Con una profonda revisione del sistema processuale cinese, la riforma in corso garantirà ai tribunali superiori una maggiore discrezionalità nel decidere di esaminare i casi di primo grado dai tribunali inferiori, in modo da garantire che i giudici siano imparziali e indipendenti dalle autorità locali.